Connettiti con noi

Benevento News

Benevento, Inzaghi: «Faremo bene con la Juventus. Cristiano Ronaldo? C’è Dybala»

Pubblicato

su

inzaghi benevento
Ascolta la versione audio dell'articolo

Filippo Inzaghi, allenatore del Benevento, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match di Serie A contro la Juventus

Filippo Inzaghi, allenatore del Benevento, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match di Serie A contro la Juventus.

FORMAZIONE – «È merito dei calciatori, chi è subentrato a Firenze è stato bravissimo e si è allenato nel migliore dei modi. Moncini purtroppo non sta benissimo e questo rappresenta un elemento di valutazione. Avete visto tutti che Maggio è assolutamente in forma e pronto a dare un grosso contributo, anche chi parte dalla panchina fa la differenza ed è la mentalità che ci ha contraddistinto per tutta la passata stagione. A me interessa l’atteggiamento, anche contro Roma, Napoli e Fiorentina ho visto i comportamenti giusti. Ad ogni modo il ballottaggio è Ionita-Insigne, ci devo pensare bene. Non possiamo pensare all’avversario che abbiamo di fronte, se ci mettiamo in area limitandoci a chiudere siamo destinati a farci male. Abbiamo una mentalità che ci contraddistingue, che ci ha permesso di espugnare Marassi e Artemio Franchi. Tante squadre sono tecnicamente più forte di noi, ma sono certo che faremo una grande partita pur sapendo che potrebbe non bastare».

PIRLO – «Non mi meraviglia faccia questo mestiere, stiamo parlando di un campione che nel calcio, da giocatore, ha vinto tutto. C’è sempre stato un rapporto importante, siamo arrivati insieme al Milan. Ricordo che avevamo lo stesso procuratore, Tullio Tinti, lo propose ai rossoneri proprio nel giorno in cui firmai. All’Inter non trovava spazio, al Milan facemmo grandi cose».

ASSENZA RONALDO – «Se lo sostituisce Dybala c’è poco da stare allegri. Battute a parte, io devo concentrarmi sull’atteggiamento dei miei ragazzi. La Juventus ha una rosa talmente ampia e di qualità che può sopperire anche all’assenza di un campione di livello assoluto».

MARADONA – «C’è grande tristezza, tutte le volte che l’ho incontrato è stato sempre molto gentile e custodisco alcune foto. Prima di una finale di Champions venne a rincuorarmi perchè non stavo bene, al mondo del calcio mancherà un personaggio come lui. Un abbraccio forte alla sua famiglia».