Connettiti con noi

Calcio Estero

Cassano: «Scandalo dare il Pallone d’Oro a Cannavaro e non a Maldini! Caro Trevisani…»

Pubblicato

su

cassano
Ascolta la versione audio dell'articolo

Antonio Cassano, durante la Bobo Tv, si è scagliato contro il giornalista Riccardo Trevisani riguardo l’assegnazione del Pallone d’Oro

Antonio Cassano durante la Bobo Tv, si è scagliato contro il giornalista Riccardo Trevisani riguardo l’assegnazione del Pallone d’Oro a Messi. Le sue parole.

TREVISANI – «France Football deve dare il Pallone d’Oro 2020 a Lewandowski, è stato il più forte di tutto e tutti. Ha vinto tutto, superando record di Muller. Chapeau a Messi che l’ha detto pubblicamente. Caro Riccardo Trevisani, il giorno che Messi ha vinto, si è permesso di dire che la Copa America non contava. Caro Trevisani, siccome hai gli occhiali, mettili doppi. Sai quanta stima ho di te ma dire quello che hai detto sulla Copa America sei un incompetente. E’ un’ingiustizia quello che hai detto, una cosa gravissima. Sicuramente è più complicato giocare in Sudamerica che in Europa, se lo pensi non capisci un cazzo. Tanti giornali hanno scritto ‘scandalo’, lo scandalo è darlo a Sammer e Cannavaro e non a Maldini. Cannavaro ha fatto solo un mese, Sammer idem. Insieme non fanno la metà di quello che ha fatto Maldini, che è stato al top per 8 anni».

RONALDO – «Ronaldo mi ha scritto dei messaggi, Cristiano Ronaldo, dicendomi che dovevo avere rispetto per lui, per quello che aveva vinto, per i gol che aveva fatto. Io non ho paura della verità, affronto il mondo intero, dal Papa all’ultimo di questa Terra. Ho chiamato Buffon e mi ha confermato che ha dato il mio numero all’addetto stampa che l’ha girato a Ronaldo per dirmi che lui ha fatto 750 gol e io solo 150. Io dico: caro Cristiano Ronaldo, hai tutto, vivi sereno e rilassato. Prendi esempio da Messi, se ne sbatte di tutto e di tutti. Invece di mandare il messaggio a me, questa è la verità. E Gigi Buffon, lo sa bene. E Gigi rideva, anche Chiellini sapeva. Mi ha fatto imbufalire. Ma come sei messo? Che problemi hai?».