Connettiti con noi

Inter News

Chivu ricorda: «Il caschetto mi dava calma e serenità. Era la mia fascia di protezione»

Redazione CalcioNews24

Pubblicato

su

Christian Chivu ha scritto una lunga lettera pubblicata sul sito dell’Inter dove ripercorre tutta la carriera in nerazzurro

Lunghissima lettera scritta da Christian Chivu e pubblicata sul sito dell’Inter. Questi i passaggi più commoventi del testo dell’ex terzino nerazzurro.

CASCHETTO – «Indossarlo mi dava calma e serenità, era la mia forma di protezione. Poi certo, pronti via ho capito che il laccio era troppo stretto e da subito l’ho sganciato, non sarei riuscito a respirare. E vi assicuro che con il caldo non era per nulla piacevole. Ma non l’ho più tolto. Anzi, ad un certo punto sì, l’ho tolto. E l’ho buttato dentro alla Champions. Assieme al caschetto, in quel trofeo, ci ho messo tutto: le paure, le incertezze, i sacrifici che avevo affrontato. Finiva tutto, con la realizzazione del sogno più bello. E le lacrime di quel momento erano di gioia, ma anche di liberazione. Era anche l’aver raggiunto un meritato momento di rilassamento, fisico e mentale. Perché non è stato uno scherzo arrivare fino lì, a Madrid. Sono serviti tutti i pezzetti di una vita intera: l’educazione dei miei genitori, il lasciare la Romania, l’esperienza all’Ajax, gli infortuni, le sconfitte. Le paure e le fatiche».

ROBBEN – «Dicono che mi abbia fatto venire il mal di testa in finale. Ovviamente sapevo che avrei dovuto avere a che fare con un fuoriclasse: rapido, tecnico, fantasioso. Ma andate a vedere i tabellini: gol in carriera di Arjen Robben contro Cristian Chivu? Zero. Gestione, l’avevamo preparata bene. E abbiamo vinto. Ho dato davvero tutto per l’Inter, a tal punto dal portare i segni sul mio corpo. Indelebili, dentro e fuori. Forse i tifosi nerazzurri non mi hanno mai visto sotto la curva a baciare la maglia, ma hanno visto i miei sacrifici, i miei sforzi per recuperare dagli infortuni, per essere sempre utile alla squadra e ai compagni».

Advertisement