Cigarini e Bonaventura, l’Atalanta vende: gli aggiornamenti

© foto www.imagephotoagency.it

Continuano le trattative per la cessione dei due big: ecco le ultime novità

ATALANTA CALCIOMERCATO CIGARINI BONAVENTURA – Qualcosa si è mosso in casa Atalanta, dopo la lunga fase di stallo (per quel che riguarda il mercato in uscita, ovviamente), che ha contraddistino queste ultime settimane. Il tutto è avvenuto nella giornata di ieri, quando al termine del mercato mancano solamente cinque giorni (quattro e mezzo, ad essere precisi). Le novità riguardano i gioielli più importanti a disposizione di Stefano Colantuono: Luca Cigarini e Giacomo Bonaventura.

INCONTRO – Per il regista emiliano, ieri c’è stato l’ennesimo incontro con il Sassuolo. Che non ha portato, però, a nessuna accelerata per il momento. C’è ancora molta distanza tra le parti: l’Atalanta, partita da una richiesta di 10 milioni di euro, è disposta a scendere al massimo a 8-9 milioni. La proposta di Bonato, invece, è di 6 milioni, oppure 3 più il cartellino di Kurtic, contropartita gradita alla dirigenza orobica. Non trova riscontro, invece, il nome di Pavoletti: i neroverdi l’hanno proposto, ma la Dea, in quel reparto, è al completo. E al momento l’intenzione è di cedere per monetizzare. Nelle prossime ore sono previsti nuovi contatti, mentre lunedì, dopo le rispettive partite di campionato, l’ultimo incontro, che può essere decisivo: Marino e Sartori tratteranno con il coltello dalla parte del manico, perché Cigarini non è un esubero e può essere importantissimo per la stagione dell’Atalanta, ma con un Baselli in rampa di lancio, il vuoto lasciato dalla sua eventuale partenza sarà facilmente colmato.

ALTRI NOMI – A margine si è discusso brevemente anche della situazione legata ad Andrea Consigli, non troppo differente: richiesta di 6/7 milioni di euro, troppi nelle idee del Sassuolo. In più c’è da convincere il giocatore, che più volte ha dichiarato di voler lasciare Bergamo solo per una big.

E JACK ? – E poi ci sono novità su Giacomo Bonaventura, sedotto e abbandonato dalla Fiorentina, bloccata dalla permanenza di Juan Cuadrado. Ieri l’Inter, consapevole del fatto che di lì a poche ore avrebbe piazzato Ricardo Alvarez al Sunderland (gran colpo, perché un’eventuale permanenza in Premier League dei Black Cats porterebbe nelle casse dei nerazzurri 12 milioni di euro), ha fatto un sondaggio per capire la situazione di Bonaventura. Chiara, per la Dea: il talento marchigiano se ne andrà solo a fronte di una proposta da 10 milioni, non uno in meno. Richiesta che ha preso un po’ in contropiede Piero Ausilio, direttore sportivo dell’Inter. Una volta archiviata la gara di Europa League, i nerazzurri faranno il punto della situazione: un centrocampista offensivo serve, e la duttilità di Jack potrebbe giocare un ruolo molto importante nella scelta definitiva. L’Atalanta aspetta fiduciosa e serena, come nel caso di Cigarini: l’obiettivo è vendere, non svendere.

COLPO AD UN PASSO – Nel frattempo, sempre in uscita, Davide Brivio è vicino a lasciare la squadra: si trasferirà al Verona, tra oggi e domani è attesa la chiusura definitiva dell’affare e poi sarà tempo di dare l’ufficialità.