Cirio (pres. Regione Piemonte): «Ieri a Torino c’erano due piazze» – VIDEO

Iscriviti

Alberto Cirio ha parlato delle proteste di ieri notte avvenute a Torino

Il Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha commentato la manifestazione di ieri a Torino, per protestare per le misure restrittive del nuovo DPCM, e gli scontri e devastazioni ad opera di alcuni teppisti ai negozi del centro.

«Ieri a Torino c’erano due piazze, una fatta di gente per bene che urlava legittimamente le loro paure e preoccupazioni. Abbiamo dato ascolto a quella piazza, li abbiamo incontrati, e io faccio mia la loro rabbia per trasmetterla al Governo che invito a valutare delle correzioni nell’ultimo DPCM. Vogliamo rigore ma anche buon senso di non uccidere alcune categorie come palestre, bar e ristoranti, all’interno dei quali sono stati fatti degli investimenti per svolgere gli eventi in sicurezza. Poi c’era un’altra piazza che ha spaccato, rubato, all’interno di quei negozi e di quelle attività che oggi urlano il loro disagio. Nei confronti di costoro non ci vuole comprensione ma rigore assoluto e punizioni esemplari perché la cosa più grave è utilizzare la paura e l’angoscia per trasformarle in alibi per il saccheggio. Queste persone però sono una minoranza che non ha nulla a che vedere con quella piazza triste che io porto dentro con me in tutti i tavoli di trattativa con il Governo perché ci siano risposte concrete, chiare e immediate nei confronti di queste attività».