Conferenza stampa Conte: «Stop allo sport non professionistico» – VIDEO

Iscriviti

Conferenza stampa Conte sul nuovo Dpcm: il presidente del Consiglio presenta le misure per contenere il contagio da Covid-19

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte alle 13.30 parlerà in conferenza stampa in diretta da Palazzo Chigi per illustrare le misure del nuovo DPCM.

Tra le novità per lo sport lo stop a palestre e piscine, oltre alla conferma della sospensione per almeno un mese dei campionati dilettantistici. Inoltre sono state aggiornate le limitazioni per il pubblico: porte chiuse e non più mille spettatori a gara, negli stadi e nei palazzetti.

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA


«Vogliamo tenere sotto controllo la curva epidemiologica. Gestire la pandemia significa permettere al nostro sistema sanitario di garantire cure, scongiurare un secondo lockdown generalizzato. Significa tutelare la salute e anche l’economia, non avendo la necessità di scegliere. Le nuove misure entreranno in vigore da mezzanotte fino al 24 novembre. I servizi di ristorazione rimarranno aperti fino alle 18, tutti i giorni. Chiudono palestre, piscine, sale da gioco, bingo, e restano chiuse le discoteche. Chiudono teatri, cinema e sale da concerto. Stop a tutte le attività sportive, tranne quelle professionistiche a livello nazionale. L’attività sportiva di base continuerà negli sport non da contatto, fuori da piscine e palestre. Incrementiamo la didattica a distanza almeno fino al 75%. Incrementiamo lo smart working nella pubblica amministrazione e chiediamo una raccomandazione alle aziende private. Bisogna muoversi solo per ragioni di lavoro, studio o necessità. Sono già pronti gli indennizzi per tutte le categorie messe più in difficoltà da queste misure. Ringrazio i ministri, i delegati regionali e l’opposizione. I ristori arriveranno sui conti corrente tramite bonifici agli interessati. Verrà confermata la cassa integrazione e sarà cancellata la seconda rata IMU. Sarà reintrodotto un contributo una-tantum per i lavoratori stagionali del turismo, spettacolo e per i lavoratori dello sport a carattere intermittente».