Conferenza stampa Di Francesco: «Vogliamo portare un gioco divertente, miglioreremo»

© foto www.imagephotoagency.it

Il neo tecnico del Cagliari, Eusebio Di Francesco, ha parlato in conferenza stampa nella sua presentazione ufficiale

SEGUI LA CONFERENZA STAMPA COMPLETA SU CAGLIARINEWS24

Eusebio Di Francesco, neo tecnico del Cagliari, ha parlato in conferenza stampa programmata per la sua presentazione stampa. Ecco le principali dichiarazioni dell’allenatore:

PROGETTO TATTICO – «Abbiamo parlato di entusiasmo e di mentalità. Vogliamo portare un gioco divertente in questa bellissima città. Sono convinto che miglioreremo sotto tutti i punti di vista».

PRESIDENTE GIULINI – «Mi ha convinto il modo di fare del presidente, mi voleva a tutti i costi e c’è grande voglia di condividere ogni scelta futura, per me è fondamentale. Dopo tre mesi particolari alla Samp, in cui ho fatto una scelta un po’ frettolosa con poca convinzione. Quello che mi è piaciuto del presidente è che mi ha convinto sotto tutti i punti di vista, è nata subito empatia sul progetto».

NAINGGOLAN – «Giocatore forte, lo conosco benissimo ma è un calciatore dell’Inter. Col presidente abbiamo già parlato, ma dipenderà dalle scelte dell’Inter. Il ragazzo ha sempre mostrato grande attaccamento al club ma ci sono altri fattori in ballo. Dovremo muovere qualcosa nelle varie zone di campo, faremo delle valutazioni anche sul mercato e mettere nero su bianco chi potrà restare e chi andare a cercare».

SISTEMA DI GIOCO – «Fondamentale che abbia una forte identità di gioco, per questo servono determinati giocatori. Io voglio davvero sempre una squadra offensiva e propositiva, non sono solo parole di circostanza. Ho con me uno staff con cui ho lavorato tantissimo per migliorare le mie ultime gestioni. Tolgo l’ultima alla Samp, in cui non sono riuscito per vari motivi a lasciare una mia impronta. Partiremo sicuramente dal 4-3-3, che sento più mio. Non voglio essere integralista, ma voglio capire come si trovano i calciatori e questo è possibile solo allenandoli».

MERCATO – «Per ora abbiamo solo parlato, le sensazioni sono state positive. Sono convinto che sceglieremo giocatori funzionali al sistema di gioco: fa la differenza. Condivideremo ogni scelta che andrà fatta».