Consigli Fantacalcio 10^ Giornata Serie A: De Ligt e D’Ambrosio, sorprese dalle retrovie

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Ritorna l’appuntamento con i Consigli Fantacalcio sulla 10^ Giornata di Serie A che inizierà sabato pomeriggio con la sfida tra Spezia e Lazio

Tra azzardi e sorprese, conferme o delusioni, ecco i nostri Consigli Fantacalcio su chi schierare, e chi magari no, nella 10^ Giornata di Serie A:

Spezia-Lazio. I ragazzi di Italiano sognano l’ennesimo risultato di prestigio, sfruttando magari le distrazioni Champions dei biancocelesti. Bastoni è in forma strepitosa e merita fiducia, così come Maggiore appare in rampa di lancio. Davanti Nzola avrà clienti difficili da superare, occhio piuttosto alla velocità di Gyasi. Turnover obbligatorio per Inzaghi, ma Milinkovic-Savic può essere il giocatore su cui puntare a occhi chiusi. Spazio probabile per qualche comprimario, rischiate pure la mossa Caicedo e quella Pereira, possibile spalla di Immobile.

Juventus-Torino. Non avete certo bisogno di noi per schierare Cristiano Ronaldo, mentre su Dybala è più che lecito nutrire dubbi. Ampia fiducia in Chiesa, sbloccatosi contro la Dynamo Kiev, e in De Ligt, sempre più leader difensivo e possibile protagonista anche nell’area avversaria. In casa granata, Giampaolo spera nell’impresa per rinsaldare la panchina: Singo è l’uomo del momento, Linetty pare in fase di crescita, Belotti una garanzia cui non si può rinunciare. Per il resto, c’è da fare gli scongiuri.

Inter-Bologna. Pessimi ricordi per i nerazzurri che si affideranno alle rotazioni per trovare continuità. Hakimi è in ripresa, va messo senza remore al pari di un Sanchez che in queste partite sa esaltarsi. Spazio anche al brillante Perisic di questo periodo e magari a D’Ambrosio, il cui vizietto del gol spesso regala soddisfazioni. Mihajlovic sogna un altro sgambetto e le carte in regola i rossoblù le hanno eccome: all-in sull’imprevedibilità di Barrow e sul tocco magico di Soriano. Colpo da ex di Palacio? Difficile, meglio forse osare una sorpresa vera in chiave bonus, per esempio Svanberg.

Hellas Verona-Cagliari. Silvestri ha già ampiamente dimostrato di essere affidabilissimo, Faraoni sta recuperando la forma dei tempi migliori e va schierato anche perché la fascia sinistra è quella più deficitaria per i rossoblù. Fiducia piena in un calcio piazzato di Veloso e, perché no, in un guizzo di bomber Di Carmine che lo scorso giugno decise il match. Tra i sardi, ben venga Cragno tra i pali, così come Joao Pedro assoluto protagonista della manovra offensiva. Zappa in versione avanzata va messo a tutti i costi, così come anche un Sottil sempre vivacissimo.

Parma-Benevento. Liverani respira dopo il successo si Marassi, chissà che i ducali non trovino continuità. Noi ci crediamo e allora azzardiamo un ritorno al bonus di Bruno Alves, la forza straripante di Kucka e la fisicità di Cornelius, possibile mattatore. Tra i campani, puntiamo sugli uomini più in forma: su tutti Letizia e il tuttofare Improta. Davanti, Caprari è uomo da contropiede che si può schierare.

Roma-Sassuolo. Partita da gol e da over, per gli scommettitori incalliti. Tra i giallorossi, ci aspettiamo un guizzo da Cristante e Pellegrini, assodato il fatto che il trio PedroMkhitaryanDzeko sia intoccabile. Sul fronte neroverde, pomeriggio che si annuncia complicato per i difensori, meglio evitare. Andate a occhi chiusi sulla zona di trequarti: Berardi, Djuricic e Boga meritano la chance anche all’Olimpico.

Udinese-Atalanta. Attenzione ai friulani, solidi e in netta ascesa. Musso può essere un clamoroso azzardo, ma il voto alto in pagella potrebbe garantire un modificatore emozionante. Sì cieco a De Paul, probabilmente il miglior centrocampista del campionato al momento, ma anche a Pereyra. Là davanti, la coppia anomala PussettoForestieri si è sbloccata e non va sottovalutata. Gli orobici fanno sempre fatica in zona pre e post Champions, oltretutto con alle porte la decisiva sfida di Amsterdam. Andateci cauti, ma non con Romero, sempre più a suo agio. Andate lisci con Hateboer e Gosens, puntate su Muriel sempre velenoso quando torna a Udine.

Crotone-Napoli. Insomma, per i calabresi la strada verso la salvezza pare più impervia che mai. Difficile andare sul sicuro con qualche difensore, un rischio più calcolato la verve di Molina al cospetto del non insormontabile Mario Rui. Per il resto, Benali può essere il jolly in mediana, mentre per Simy e Messias sarà durissima incidere. Lunga vita a Mertens da prima punta, ma anche al suo possibile sostituto Petagna. Si attendono progressi da Zielinski, così come non potete lasciare fuori i vari Insigne, Lozano e soprattutto Politano. Bonus dalle retrovie? Perché no, Manolas.

Sampdoria-Milan. Quel vecchio volpone di Ranieri facilmente incarterà la gara in maniera scorbutica. Non aspettatevi i fuochi d’artificio. Candreva però è bollente e può creare fastidi a Theo, mentre Quagliarella ha sempre in canna il colpo ad effetto. Sul fronte rossonero, sì ai difensori Romagnoli Calabria. Avanti tutta anche con Saelemaekers e Rebic.

Fiorentina-Genoa. Lunedì da brividi e non si parla di un ciclo di film horror. I Viola non segnano da ottobre, ma se non altro Dragowski e Milenkovic convincono sempre. Castrovilli è in appannamento, Callejon e Ribery in fase buia. Segni di vitalità, invece, da Vlahovic che potrebbe finalmente sbloccarsi. Via libera anche a un guizzo di Bonaventura. Maran dovrà sperare in Scamacca per salvare la sua panchina, ma non sarà affatto semplice. Fiducia in Pellegrini, soprattutto se verrà schierato più avanzato, e nell’uzbeko Shomurodov che ha sorpreso contro il Parma.