Coronavirus, la lettera di Federica Percassi: «Bergamo chiama. Vuole che l’Italia sia unita»

© foto www.imagephotoagency.it

Federica Percassi, figlia del presidente dell’Atalanta, ha scritto una lettera su Instagram pregando per la città di Bergamo

Federica Percassi, figlia del presidente dell‘Atalanta, ha scritto una lettera su Instagram lanciando un’iniziativa per la città di Bergamo.

«Bergamo chiama. Vuole che l’Italia sia unita. Questa volta, per lei. Lunedì dalle 11.45 alle 12 guardate oltre il vostro balcone e fate arrivare il vostro sguardo a Bergamo. Guardate fuori per cercare dentro di voi per trovare parole che compongano preghiere. Raccogliete i vostri pensieri e dedicateli a chi sta ascoltando il rumore delle macchine che lo tengono in vita, a chi ha perso i propri cari senza poterli salutare, a chi non si dà pace ed è senza il conforto di persone vicine, a chi è stanco e si lascia andare al pianto. Fate un respiro profondo e offritelo a chi ha esalato il suo ultimo in solitudine. Qualunque sia il vostro Dio, qualunque sia la vostra preghiera. Basta che la sentiate FORTE NEL CUORE. Alle 12 in punto, terminato questo momento di raccoglimento dedicheremo un lungo APPLAUSO a tutti quegli eroi che ci stanno aiutando nella battaglia contro questo male. Forza. E’ Bergamo che me lo chiede. Fatelo per loro. Per noi tutti. Per la NOSTRA Bergamo. La Bergamo dell’Italia intera. Bergamo non molla mai! E noi non molliamo»