Esclusiva – FeralpiSalò, Milani: «Sogno di tornare al Torino»

© foto www.imagephotoagency.it

Il settore giovanile del Torino di Urbano Cairo è noto per i suoi talenti puri dal futuro assicurato ed uno di questi è certamente il centrocampista Daniele Milani, classe 1993, attualmente al FeralpiSalò, club che milita nel Girone A della Prima Divisione di Lega Pro. Dopo dodici stagioni nel vivaio granata, Milani è passato in comproprietà alla società verdeblù nell’estate 2012, fornendo ottime prestazioni nonostante la giovane età. Raggiunto in esclusiva da noi di Calcionews24, ecco le sue parole.

Il FeralpiSalò è situato al decimo posto nel girone A della Prima Divisione della Lega Pro, a 5 punti da  Albinoleffe e Sudtirol che occupa l’ultimo posto disponibile per i playoff. Quali sono le vostre ambizioni stagionali?
“Le nostre ambizioni ad inizio anno erano di una crescita generale del gruppo e la valorizzazione dei giovani, essendo una delle squadre con l’età media più bassa della Lega Pro. Ora siamo a 5 punti dai playoff che la società si aspetta perché siamo una buona squadra. Ora dobbiamo pensare al difficile match casalingo che ci attende con il Sudtirol, che rappresenta per la nostra classifica uno scontro diretto”.


Sei al secondo anno in Prima Divisione; quanto ti è utile fare le ossa in una categoria come questa?
“E’ importante perché in Lega Pro ci sono giocatori d’esperienza che han fatto categorie maggiori. Al FeralpiSalò da noi gioca Alex Pinardi, che dà una mano e dispensa consigli ai calciatori più giovani. Anche nelle altre squadre incontri avversari importanti, fattore importante nella crescita individuale. Io mi trovo bene in questa categoria perchè sin ora ho trovato continuità e soprattutto in queste due stagioni son riuscito a migliorare di partita in partita”.


Mister Scienza quanto è stato importante nel tuo percorso di crescita?
“Il mister è molto bravo a lavorare sia con i giovani che con i giocatori un po’ più anziani. Riesce a fare migliorare i giocatori sia tatticamente che tecnicamente, facendoli crescere in maniera esponenziale. Io mi trovo molto bene a lavorare con lui anche perchè oltre che sul campo di gioco, il mister ci aiuta anche fuori dal rettangolo verde”.


Al FeralpiSalò siete in tanti giovani classe 1995,1994 e 1993. Chi può compiere il grande salto in futuro?
“Da quello che si è visto in campo sino ad ora, i due giovani con maggiori prospettiva sono Cristian Dell’Orco e Davide Marsura (difensore ed attaccante in prestito rispettivamente da Parma ed Udinese), entrambi classe 1994. Cito anche Davide Cinaglia, con cui ho giocato già nella primavera del Torino, che insieme ai primi due ha dimostrato di avere i numeri per poter fare il salto di qualità”.


Sei in comproprietà tra FeralpiSalò e Torino, a giugno la situazione come si evolverà?
“No, non so ancora niente. Io ho ancora un anno con il Torino; vista la comproprietà, se nessuna delle due squadre mi riscatta, si andrà alle buste. Ad inizio anno le due società non avevano discusso le varie ipotesi possibili”.


Come valuti il tecnico Ventura?
“Quando giocavo nella Primavera granata al giovedì incontravamo la prima squadra in amichevole ed ho potuto ammirare le sue qualità di tecnico che propone un bel calcio e che punta sulla valorizzazione dei giovani talenti. Compie un grande lavoro individuale che permette ad ogni calciatore di poter migliorare col tempo ed i risultati sino ad ora gli danno assoluta ragione, visto l’ottimo andamento in queste stagioni del Torino”.


Ti senti pronto ad un’esperienza in Serie B ?
“E’ stata una stagione un po’ difficile a causa della pubalgia che mi ha frenato nell’ultimo periodo, ma comunque mi sento pronto al salto di categoria. Ritengo di avere le carte in regola per un primo salto di qualità e visto che sto per terminare la mia seconda stagione di Lega Pro in cui ho accumulato esperienza affermo che sono pronto”.

Il tuo desiderio sarebbe tornare a vestire la maglia granata?
“Certamente si. Sarebbe un sogno tornare nella squadra in cui ho trascorso 12 anni, dalla scuola calcio alle giovanili sino alla Primavera. E’ la squadra della mia città, quella che tifo e desidero un giorno vestire quella maglia nuovamente, nel calcio dei grandi”.

 

Carmine Massimo Balsamo