Fiorentina, Montella: «Orgoglioso di allenare questi giocatori»

© foto www.imagephotoagency.it

La conferenza stampa alla vigilia di Fiorentina – Chievo Verona

FIORENTINA CONFERENZA STAMPA MONTELLA – Domani sera la Fiorentina affronterà il Chievo Verona nel posticipo delle ore 20.45, oggi in conferenza stampa è intervenuto Vincenzo Montella, il quale ha dichiarato: «Il mio compito è mettere in campo giocatori che hanno motivazioni, domani è importante per consolidare il quarto posto. Dal campionato abbiamo preso pochissimi punti ultimamente e dopo domani avremo un calendario tostissimo. Arriviamo in mezzo a dure gare più importanti».

GOMEZ – Montella ha aggiunto: «Il Chievo ha bisogno di punti, spero che però le qualità dei miei possano venire fuori nonostante il momento di gare fitte. Aspettavamo il gol di Gomez, poi la condizione si vede che migliora. Sulle sue qualità non avevamo dubbi. Se cresce la condizione, cresce il morale e quindi arrivano pure i gol. Cuadrado? Era una scelta tattica, volevo metterlo a gara in corso ma non c’è stata possibilità. La nostra crescita a livello di convinzione c’è stata, ma è stata acquisita nel tempo».

ORGOGLIO – Montella ha proseguito affermando: «Nel nostro percorso ci sono state difficoltà, delle volte abbiamo delle complicazioni ma portiamo avanti il nostro gioco. Per me è un orgoglio allenare questi giocatori che si meritano questi successi seppur parziali. La Juventus ha dato tre gol a tutti in casa, rischi di sbriciolarti se non hai condizione e stabilità psicologica. Non è un vanto, è solo un inizio per potersi confermare nel tempo. I giocatori della Fiorentina stanno bene, però rispetto agli altri campionati la Serie A porta via più energie, ci sono più aspettative».

CONCLUSIONI – Così infine ha chiosato il tecnico viola: «Se ci confrontiamo con la Spagna le filosofie di gioco italiane sono differenti, lì sono avvantaggiati. Rossi? Siamo contenti, siamo soddisfatti perché prosegue tutto bene per Giuseppe, ci fa piacere avere la sua quotidianità e può continuare qui la sua riabilitazione. Spero che torni presto, l’importante è che recuperi bene e senza fretta».