Fiorentina, si riparte dal poker di talenti

chiesa fiorentina
© foto www.imagephotoagency.it

Milenkovic, Zekhnini, Eysseric e Veretout: giovani e qualità al servizio del nuovo corso Pioli alla Fiorentina

Nuovo anno, nuova vita: mai detto potrebbe essere più valido per il 2017-18 della Fiorentina. I viola dovranno ripartire senza tre-quattro assi della passata stagione (solo Kalinic manca all’appello per la partenza, ma la volontà del croato appare piuttosto chiara), ma soprattutto senza Paulo Sousa e con una società che è in vendita. In questo quadro, non sarà facile per Stefano Pioli, uscito dal temporale Inter per entrare nel tornado che è in questo momento la Fiorentina in questo momento storico. Tuttavia, come ricorda “La Gazzetta dello Sport”, i movimenti ci sono stati sul mercato viola anche per quanto riguarda le entrate, con la speranza di trovare altri protagonisti che possano appassionare la piazza come hanno fatto i loro predecessori. Come Nikola Milenkovic, per il quale Pioli si è già sbilanciato: «Presto sarà pronto per essere una pedina importante della Fiorentina». Oppure Rafik Zekhnini, norvegese con passaporto marocchino e dal passo veloce, così come i suoi progressi (è sempre un classe ’98). A loro due, si aggiungono i due francesi arrivati recentemente: Valentin Eysseric è un prodotto provato, ingranaggio utile nel Nizza di Favre dell’ultima stagione; dall’altra c’è Jordan Veretout, ex prodigio del Nantes bisognoso di ripartire dopo esser passato in quel buco nero che è stato l’Aston Villa dell’ultimo biennio. Si riparte da questi nomi – senza dimenticare chi rimarrà, da Astori a Chiesa -, con la speranza che possano esser amati come chi c’è stato prima di loro.