Giulini: «Borriello come Totti. Storari? Non c’entra il Cagliari»

stefano capozzucca giulini
© foto www.imagephotoagency.it

Marco Borriello, Marco Storari, i tifosi del Cagliari, lo stadio e altro ancora dalle parole di Tommaso Giulini, numero uno dei rossoblu

Tommaso Giulini può essere contento di questo inizio di Serie A del Cagliari, Massimo Rastelli ha dieci punti (tutti ottenuti in casa) e può candidarsi a diventare una sorpresa. Il presidente dei sardi difende il suo allenatore dalle critiche ricevute in estate dagli scettici e dice che è bravo a leggere le partite. Una grande sorpresa però è Marco Borriello: «Ha cambiato stile di vita e penso che possa arrivare fino a 40 anni come Zanetti e Totti».

IL CASO STORARI – Si parla anche del caso Marco Storari, a cui è stata tolta la fascia da capitano dopo una protesta degli ultrà sardi, a tal proposito Giulini afferma: «La situazione non ci è piaciuta ma Storari l’ha risolta intelligentemente. La contestazione ha motivazioni in cui non deve entrare la società».

UNDICI SARDI – Adesso il Cagliari è a un punto dall’Inter e ha un calendario non proprio ottimale davanti. Il numero uno sardo scongiura l’ipotesi di un intervento dei cinesi anche con i rossoblu ed esalta il progetto del Cagliari, fatto anche del nuovo stadio: un progetto da sessanta milioni di euro da completare nei prossimi quattro-cinque anni. Giulini però conclude l’intervista a La Gazzetta dello Sport parlando del suo sogno: «Vincere la Champions? Meglio vedere undici sardi in Serie A. In Primavera le squadre che hanno 4-5 stranieri rattristano, chi investe nei vivai dovrebbe avere vantaggi».