Igor: «A Firenze c’è tutto per fare bene. Maxi ritiro? Non sarebbe il massimo ma siamo pronti»

Igor Fiorentina
© foto www.imagephotoagency.it

Igor ha parlato sulle pagine del Corriere dello Sport: queste le parole dell’esterno della Fiorentina arrivato a gennaio

Igor ha parlato sulle pagine del Corriere dello Sport affrontando vari temi. Queste le principali dichiarazioni dell’esterno viola.

MAXI RITIRO – «Non sarebbe il massimo restare lontani dalla propria famiglia per un periodo lungo, ma se questo servirà a garantire la sicurezza e a intrattenere persone che stanno soffrendo, lo faremo con piacere. Sarebbe una situazione nuova, diversa dai ritiri estivi, ma prima o poi dovremo cominciare ad abituarci alle nuove condizioni di vita per fare sport».

PORTE CHIUSE – «Il calcio senza pubblico è difficile da immaginare, non sarà facile abituarsi».

COMMISSO – «Sin dal mio arrivo lui e la sua famiglia hanno mostrato tantissimo calore nei confronti della squadra, la sua voglia di crescere è un aiuto fondamentale. Qui alla Fiorentina c’è tutto per fare bene nel prossimo futuro».

FIORENTINA – «Prima della chiusura stavamo andando bene, eravamo in crescita ma non so dove possiamo arrivare».

RUOLO – «Ho iniziato a giocare da esterno nella Spal anche se il mio ruolo in teoria sarebbe quello di centrale di sinistra. Penso di potermi adattare a più ruoli e questo è un vantaggio, poi deciderà il mister. Di certo a Firenze sono stato accolto benissimo, spero di ripagare la fiducia».

ALLENAMENTI – «Ci piacerebbe tornare ad allenarci con intensità, ma siamo consapevoli che con la salute non si scherza. Per questo credo sia giusto rimetterci alle decisioni delle istituzioni».

CORRERE – «Tornare a correre? E’ stato bellissimo, un po’ una sorta di “prima” liberazione. Certo, non è ancora tutto come prima, ma rivedere, seppur a distanza, qualche compagno e parte dello staff è stata una sensazione incredibile. Emozionante. Aspettando il resto».