Connettiti con noi

Hanno Detto

Insigne in lacrime ai microfoni di Dazn: «Purtroppo abbiamo fatto questa scelta, siamo contenti, sia io che loro. Ho dato tutto, non ho rimpianti»

Pubblicato

su

Insigne in lacrime ai microfoni di Dazn: «Purtroppo abbiamo fatto questa scelta, siamo contenti, sia io che loro. Ho dato tutto, non ho rimpianti». Le parole del capitano del Napoli

Lorenzo Insigne dopo la vittoria col Genoa, la sua ultima partita al Maradona da calciatore azzurro, si è emozionato anche ai microfoni di Dazn. Ecco le parole del capitano del Napoli:

TIFOSI – «Ringrazio tutti i tifosi che oggi sono venuti allo stadio a incitarmi, da napoletano è una gioia immensa. Col tempo la prima cosa che farò è tornare qua, qui è casa mia e non si dimentica mai casa».

EPISODIO PARTICOLARE IN QUESTI 10 ANNI – «Sono tantissimi, non ne voglio ricordare solo qualcuno. Ricordo tutti i dieci anni. Ci sono stati momenti belli e meno belli, ma siamo stati sempre uniti coi tifosi».

IL NAPOLI SEMPRE AL PRIMO POSTO – «E’ troppo forte l’amore per città e maglia. Ci sono poi momenti in cui bisogna fare delle scelte. Io e la società purtroppo abbiamo fatto questa scelta, siamo contenti, sia io che loro. Ho dato tutto, non ho rimpianti. I tifosi mi hanno dimostrato sempre l’affetto nei miei confronti, lo porterò sempre dentro»

RINGRAZIAMENTI – «Il grazie va a tutti gli allenatori avuti qua. In questi giorni hanno speso belle parole per me: Benitez, Sarri, Hamsik, Albiol, Reina, Callejon. Vuol dire che qualcosa di buono l’ho fatto. Io porterò tutti nel mio cuore: allenatori, compagni, presidente, vice, tutti. Dico grazie a tutti»

SPIEGARE AI FIGLI – «Spero che quando cresceranno si parlerà ancora del papà nel Napoli. Vedranno tante scene su quest’ultima mia partita qui».

CHIUDERE LA CARRIERA AL NAPOLI – «Ora non mi va di dire queste cose, io ho fatto la mia scelta e la società la sua. Stiamo bene così. Voglio solo godermi questo momento. Anche se andrò lontano il mio cuore è qui. Verrò a vedere il Napoli in tribuna o in curva appena possibile perché questa è casa mia»