Inter, ecco il piano per Barella: 25 milioni con 10 di bonus, giocatori e… sinergia!

barella
© foto www.imagephotoagency.it

L’Inter affonderà il colpo a luglio per Nicolò Barella. La strategia di Ausilio, ieri a Cagliari, è di impostare una trattativa particolare

L’Inter continua a tenere gli occhi puntati su Nicolò Barella. Dopo l’acquisto di Cedric Soares da subito e le visite mediche già effettuate da Godin in vista dell’estate, i nerazzurri stanno provano ad aggiungere un altro tassello al proprio scacchiere. A lungo corteggiato dal Napoli, il classe ’97 del Cagliari avrebbe rifiutato gli azzurri per gennaio, convinto di rimanere in Sardegna almeno fino in estate. Poi, sarà vera e propria bagarre: Ancelotti sfiderà Spalletti per il gioiello, con Chelsea, Arsenal e Manchester United pronti a dare battaglia. Ecco allora che serviranno almeno 50 milioni per convincere il presidente Giulini, cifra che Marotta e Ausilio non vorrebbero però spendere. Ma c’è una strategia. E la presenza del d.s. nerazzurro ieri a Cagliari, ufficialmente per festeggiare un compleanno, potrebbe essere più di un indizio.

Gli uomini di mercato nerazzurri starebbero infatti pensando ad una duplice strategia per portare Barella a Milano. Tutto dipende dal mercato in uscita: se parte un big alla Perisic, non sarebbe impossibile recuperare la parte cash per convincere il Cagliari a lasciarlo partire. Ma quest’ipotesi non scalda più di tanto l’Inter, poco propensa a spendere così tanto. Ecco allora che la Gazzetta dello Sport illustra il piano A per strappare il gioiello sardo alla concorrenza. L’offerta sarebbe di offrire 25 milioni sul piatto, con ricchi bonus per arrivare almeno intorno ai 35 milioni. Poi ci sarà sicuramente qualche contropartita (in Sardegna piacciono Pinamonti e Vanheudsen), ma non solo: i nerazzurri vorrebbero instaurare una vera e propria sinergia a lungo termine con i rossoblu. Un accordo di sostegno a vicenda, sia per i giocatori che a Milano hanno poco spazio per crescere, sia per quelli pronti al grande salto. Ci sarà ovviamente da convincere Giulini, che già con l’affare Nahitan Nandez ha dimostrato che il Cagliari non ha bisogno di nessuno. Certo, avere giocatori freschi pronti a esplodere di anno in anno potrebbe non essere così male…