Juve, nel mirino c’è un record mostruoso da battere

chiellini bonucci barzagli juventus
© foto www.imagephotoagency.it

Juve: i bianconeri, nel caso in cui dovessero approdare in finale di Champions senza subire gol nella doppia sfida contro il Monaco, potranno vantare la difesa più forte di tutti i tempi. Migliore anche di quella del Milan di Capello

Il cammino mostruoso della Juve in Champions League può essere corredato da un altro record di straordinaria importanza. I bianconeri hanno nel mirino un primato, che può ottenere soltanto nel caso in cui riuscisse ad approdare alla finalissima di Cardiff, in programma il prossimo 3 giugno. La squadra di Allegri dovrà passare dalla doppia sfida contro il Monaco, ennesimo esame importante per una difesa che non sembra avere punti deboli. Buffon, Chiellini, Bonucci, insieme a Barzagli, Alex Sandro e Dani Alves, possono raggiungere un risultato unico al mondo. Il record da battere è quello del Milan della stagione 1993-1994, che è attualmente la squadra che è riuscita a vincere la massima competizione europea (nella storica finalissima contro il Barcellona) subendo appena due gol in dodici partite. La media delle reti incassate dai rossoneri in quella magica annata fu pari a 0,17 a partita: impressionante.

E la Juve, se non dovesse subire gol nelle due sfide contro il Monaco e nell’eventuale finale di Champions League di Cardiff, riuscirebbe ad evitare di prendere più gol di quel Milan, ma abbasserebbe la media dei gol subiti di due centesimi, portandola a 0,15 a partita. Anche l’Aston Villa nella stagione 1981-1982 subì solamente due reti nell’anno del successo in Coppa dei Campioni, gli stessi del Milan, ma in nove partite complessive, con una media gol al passivo di 0,22 a gara. Per la Juve, nel caso in cui tutto dovesse filare liscio, sarebbe un risultato fenomenale, figlio di un’organizzazione difensiva e di squadra ai limiti della perfezione. Che consacrerebbe la difesa bianconera come la migliore di tutti i tempi, anche a livello statistico.