Juventus, Allegri punge Juan Jesus: «Silenzio più opportuno»

© foto www.imagephotoagency.it

Il tecnico: «Sarebbe stato rosso e rigore per noi: perché tornare a parlarne?»

«Chi pensa che domani sarà una partita facile, è completamente fuori di testa. Sicuramente, il Verona, scottato dal 6-1 in coppa, verrà qui cercando di concederci il meno possibile. E noi non avremo più margine d’errore, perché sbagliare da adesso in poi può essere decisivo». Max Allegri, intervenuto in conferenza stampa, tiene sulla corda i giocatori della Juventus, reduci dalla goleada proprio contro gli scaligeri in coppa.

MASSIMA ATTENZIONE – Due gare chiave per i bianconeri, che riceveranno allo Juventus Stadium Verona prima e Chievo poi: «In questo momento il campionato dice che noi siamo tre punti sopra la Roma, ma questo non basta per vincere il campionato. E non è vero che i due turni che andremo ad affrontare, perchè noi abbiamo due partite in casa e sono favorevoli a noi. Si parte sempre dello 0-0, non esistono partite facili, tutte sono da vincere. La Roma è forte e difficilmente farà passi falsi».

FORMAZIONE – E, il tecnico bianconero, rischia di perdere Ogbonna e Vidal: «Il primo ha riportato una forte distorsione alla caviglia e capiremo se potrà recuperare o meno. Caceres, comunque, è tornato a disposizione e quindi comunque non saremmo in emergenza. Quanto a Vidal, è stato dimesso dall’ospedale dopo la tonsillite e lui s’è già messo a disposizione della squadra, ma dovremo valutare con il dottore se farlo giocare o meno: è sotto effetto di antibiotici, non sta benissimo».

RITROVATI – La Coppa Italia ha portato tante buone notizie, tra cui le conferme di Pereyra e Morata: «Pereyra ha fatto anche un gran gol, ne ha sbagliato molti più facili in passato, invece giovedì ha fatto un bellissimo gol. E’ un giocatore che ora ha ripreso anche una buona condizioni fisica, un giocatore che ha tecnica e che ricordiamoci che ha 23 anni, è il primo anno che è alla Juventus e non è semplice per nessuno. Morata sta bene, lui deve pensare solo a lavorare. Capisco che per un attaccante è importante il gol, ma a me importa molto anche della prestazione. Lui, in questo senso, sta crescendo molto. Guardate quello che ha fatto a Napoli, con l’assist per Vidal».

STILETTATA – In chiusura, una frecciatina a Juan Jesus, che ieri sera ha attaccato Chiellini tramite il proprio profilo Facebook: «Credo che Chiellini non sia assolutamente un giocatore assolutamente antisportivo. Quanto all’episodio, Juan Jesus è stato fortunato a non essere stato visto dall’arbitro e dall’asistente di porta, perchè altrimenti a 36esimo del primo tempo c’era espulsione e rigore a nostro favore. Quindi credo era meglio che non tornasse sull’argomento».