Juventus, Allegri: «Crescita costante» | PS

© foto www.imagephotoagency.it

L’analisi del tecnico della vittoria sul Manchester City

Ha risposto agli scettici e ora si gode la qualificazione agli ottavi di finale di Champions League: piccola rivincita di Massimiliano Allegri, criticato spesso per le sue scelte. Al termine della partita contro il Manchester City ha commentato la vittoria ai microfoni di Premium Sport: «Sorpresa Mandzukic? Avevo deciso da un po’ di giorni, perché Morata a partita in corso in queste partite può essere più utile. Sono contento per la prestazione dei ragazzi: non era facile qualificarsi agli ottavi con una giornata d’anticipo in un girone difficile e arrivare al primo posto. Non hanno preso gol, hanno giocato una buona partita contro una squadra che ha grandissima qualità. Risalita in campionato? Questa squadra ha bisogno di crescere: dovevamo gestire, ad esempio, diversamente gli ultimi palloni. Abbiamo 4-5 giocatori di 20-21 anni in campo e non è facile a questi livelli. La crescita è costante, la normalità deve essere questa, ma dobbiamo imparare a gestire meglio i momenti critici».

LE SCELTE – Allegri ha poi proseguito: «Alex Sandro? E’ un ottimo acquisto, come gli altri. I nuovi vanno lasciati crescere. Ha giocato bene a livello offensivo e difensivo, come Evra. Passaggi sbagliati? Bastava muoversi di più. In Europa bisogna avere grande personalità, così potevamo continuare a mettere in difficoltà una squadra brava nel pressing e a ripartire. Bisogna capire i ragazzi, bisogna capirli e spiegare loro come gestire le varie situazioni. 3-5-2? Bisogna essere bravi a muoversi nel rettangolo di gioco per avere uno sviluppo del gioco efficace. Dybala, ad esempio, si è mosso bene tra le linee. Barcellona? E’ sempre un piacere vederli, fanno sembrare semplici cose difficilissime, ma in Europa bisogna tifare sempre per le italiane. Dybala si sta trasformando in giocatore di raccordo, in seconda punta, mentre Morata sta diventando centravanti».