Koke affila gli scarpini: «Sarà una gara difficile, sarà una guerra»

Koke
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Diego Pablo Simeone e Koke, alla vigilia del match di Champions League contro la Juventus

Finalmente è arrivato il momento che la Juve e tutti gli juventini attendevano. Domani, all’Allianz Stadium, andrà in scena il ritorno degli ottavi di finale di Champions League tra la Vecchia Signora e l’Atletico Madrid. Si riparte dal 2-0 in favore dei Colchoneros che 14 giorni fa hanno battuto i bianconeri tra le mura del Wanda Metropolitano grazie alle reti di Godin e Gimenez. In conferenza stampa si sono presentati, come all’andata, il tecnico Simeone insieme a Koke. Il centrocampista spagnolo ha presentato così la sfida di domani: «Buonasera a tutti, quello che mi preoccupa di più è come giocheremo noi. Sarà fondamentale iniziare a giocare con intensità. Sappiamo di avere un risultato positivo ma può succedere di tutto quindi dipenderà da come scenderemo in campo. Loro hanno un ottimo gioco aereo, fanno molto pressing, avranno i tifosi dalla loro, ma saremo 11 contro 11 e dovremo partire forte anche noi». 

Sempre Koke, si dice non spaventato dal clima che troverà insieme ai suoi compagni all’Allianz Stadium: «Sicuramente abbiamo fatto partite difficili, tutte le gare di questo genere lo sono. Noi siamo pronti e saremo lì per cercare di non farci sorprendere. Vogliamo passare a tutti i costi, sappiamo di avere un risultato positivo, ma non definitivo. Ci mancano 90 minuti per superare il turno. Vero che abbiamo esperienza in certe partite, cercheremo di usarla». Infine sul pubblico bianconero, che tornerà a tifare dopo mesi di sciopero: «Normale tutti vogliano sostenere la squadra in partite così. Abbiamo già giocato in stadi con tifoserie calde, in campo sarà una guerra, ma siamo undici contro undici e dipenderà da come inizieremo e come finiremo. Se saremo umili e giocheremo bene passeremo il turno»