Connettiti con noi

2015

L’ennesima rivelazione in casa Palermo: Ivaylo Chochev

Pubblicato

su

Doppietta al Genoa e tanta qualità: il nostro focus sul centrocampista bulgaro

Una fucina di talenti, magari non proprio cresciuti in Sicilia, ma sicuramente esplosi tra le rive del Mediterraneo: stiamo, naturalmente, parlando del Palermo. Cavani, Pastore, e adesso Dybala e Vazquez: quattro nomi che hanno saputo lustrare gli occhi al pubblico (esigente) del Barbera. Ma potrebbe non essere finita qui. Eh sì, perché Ivaylo Chochev potrebbe essere la nuova sorpresa in casa rosanero. Primo bulgaro nella storia del Palermo, Chochev riesce a ricoprire diversi ruoli a centrocampo, passando dal mediano al trequartista con una semplicità immane. Questo grazie anche alla buona tecnica di cui è dotato, dote che gli ha permesso di ovviare alla sua mancanza di rapidità con giocate di pregio. Così lo ha notato il Palermo, che la scorsa estate lo ha prelevato dal Cska Sofia per due milioni di euro, ma la storia di Chochev parte da più lontano. 

DALLA BULGARIA IN GIU’ – Chochev nasce a Pleven, città della Bulgaria settentrionale, ed inizia a giocare tra i professionisti nel 2010, presso il Cavdar Etropole. La prima stagione è quella 2010/11, in cui colleziona ben 27 presenze: durante i due anni successivi le apparizioni diminuiscono, rispettivamente 21 nella stagione 2011/12 e 13 nella prima parte del 2012, ma il rendimento è costante. Chochev viene dunque notato dal Cska Sofia, e si appresta al salto di categoria, passando al Cska nel dicembre del 2012. Durante l’esperienza al Cavdar mette a segno anche 17 gol, numeri che dimostrano come Chochev non sia solo un mediano e basta, ma come abbia tanta qualità nel suo sinistro. Il bulgaro arriva al Cska Sofia a soli 19 anni, e viene inserito nel 4-2-3-1 accanto al veterano Yanchev, che sarà chioccia del centrocampista. Nella massima serie del campionato bulgaro Chochev dimostra di essere un centrocampista veramente duttile: il lancio per i compagni è sempre pronto a partire, ma lo stesso giocatore sa quando cogliere l’attimo per andare avanti alla ricerca dell’inserimento vincente. E proprio l’inserimento è una delle qualità che contraddistinguono il numero 18 rosanero, il cui tempismo si è dovuto adattare ai ritmi della Serie A, ma che adesso si è dimostrato efficace. Chochev chiude la prima esperienza al Cska con 10 presenze in campionato, portando così il numero di apparizioni stagionali a quota 23. La stagione successiva, ovvero quella scorsa, scende in campo per 25 volte in campionato, più 10 presenze portate a casa nella fase finale, insieme a 7 reti complessive. La stagione si chiude così, ed arriva il trasferimento al Palermo.

SICILIA BEDDA – «Guardando alla tecnica, Chochev è di certo un ragazzo di prospettiva: anche lui avrà la possibilità di darci qualche gioia. Nel suo dna ha qualità tecniche importanti». Così parlava Beppe Iachini, allenatore del Palermo, durante il luglio scorso a proposito di Chochev. Ed il tecnico rosanero non si è sbagliato. L’allenatore che ha rilanciato Franco Vazquez, dopo che questi era finito fuori rosa, non poteva vederci sbagliato in un ragazzo come Chochev, e così lo fa esordire in occasione della gara contro l’Empoli, terminata 3-0 in favore della squadra di Sarri: Iachini getta il bulgaro nella mischia proprio a posto di Vazquez, visto che l’apporto tecnico di Chochev si discosta sì da quello dell’italo-argentino, ma di poco. L’esordio da titolare arriva nella gara successiva, il successo interno contro il Cesena, gara in cui Chochev parte da regista, giocando tra Rigoni e Bolzoni. Arriviamo però alla gara di domenica, giorno in cui il ragazzo mette a segno una doppietta contro il Genoa, due gol che regalano i tre punti al Palermo:  la prima segnatura arriva a porta spalancata, dopo il palo colpito da Rispoli; il secondo gol mette invece in evidenza una qualità già segnalata del bulgaro, ovvero l’inserimento: Chochev infatti si fa trovare pronto sul passaggio di Dybala, che pesca il compagno in area, il quale insacca beffando anche Lamanna con un tunnel. Facendo un passo indietro, Chochev aveva messo a segno il primo gol in A nel turno precedente, contro l’Udinese, sempre su inserimento, ma questa volta con un colpo di testa. Questo il campionato del bulgaro fin qui, un giocatore che ha mostrato di poter giocare in mezzo al campo, all’occorrenza anche sulla trequarti, e che si appresta ad essere la nuova rivelazione in casa Palermo. Una pedina in più per Iachini in mezzo al campo: il tecnico rosanero ha scoperto da poco il buon Jajalo, e Chochev, insieme al croato ed a Rigoni, compone un trio di tutto rispetto. Il ragazzo ha anche esperienza internazionale, avendo fatto tutta la trafila con la Bulgaria, dall’Under-17 fino all’Under-21. Chochev si dimostra dunque un ottimo giocatore, talentuoso e al contempo ben strutturato fisicamente, con i suoi 188 centimetri che in campo si fanno sentire. Centrocampista moderno, il bulgaro è di sicuro un fattore su cui il Palermo potrà contare per la prossima stagione.