Lecce, Sticchi Damiani: «Assegnare un titolo non sarebbe razionale»

Lecce Sticchi Damiani
© foto www.imagephotoagency.it

Il numero uno del Lecce Sticchi Damiani ha rilasciato un’intervista ai microfoni del Corriere dello Sport. Ecco le sue parole

Il presidente del Lecce Sticchi Damiani ha rilasciato un’intervista ai microfoni del Corriere dello Sport. Ecco le sue parole

«Pensare di ripartire prematuramente, senza che la situazione sanitaria si sia in qualche misura normalizzata, senza preoccuparsi di come garantiremo ai giocatori e a tutto il personale coinvolto la tutela della salute, certamente lo sarebbe. Ma il tema del dopo, del riavvio della Serie A che abbiamo dovuto interrompere, va affrontato».

SERIE A – «Io auspico che la stagione in corso si concluda. Sono per la ripartenza, insomma. Ma si tratta di un auspicio ragionato, basato su alcuni presupposti».

PLAYOFF – «Dico solo che, se non si dovesse riprendere a giocare, questa stagione non può essere omologata, non può emettere verdetti. Sarebbe insensato chiedere scudetto e retrocessioni a un campionato che s’interrompe bruscamente a dodici partite dalla fine per cause di forza maggiore. L’unica eccezione, immagino, dovrebbe riguardare le squadre da qualificare alle competizioni europee. Assegnare un titolo o addirittura decidere chi perde la categoria non sarebbe razionale».