Lecce, Sticchi Damiani: «Tre scenari possibile, proveremo a finire la serie A»

Lecce Sticchi Damiani
© foto www.imagephotoagency.it

Saverio Sticchi Damiani, presidente del Lecce, è intervenuto ai microfoni de Il Corriere dello Sport per analizzare il momento della serie A

Il presidente del Lecce Sticchi Damiani è intervenuto ai microfoni del Corriere dello Sport per analizzare il momento: «Tutti i club di A hanno società di revisione ed è a loro che ci siamo affidati quando la Lega Calcio ci ha chiesto di quantificare i danni. Il calcio è la terza industria del Paese e va disciplinata. Abbiamo calcolato che se la Serie A non finisce ci saranno 740 milioni di danno. È una cifra che il sistema calcio non può reggere».

SCENARI – «Ne ho individuati tre, il primo è quello di provare a finire il campionato, nel massimo rispetto della salute. Questo genera un danno minore di circa 140 milioni, una cifra che il sistema può assorbire».

IPOTESI BLOCCO – «Se non si gioca a luglio il campionato viene definitivamente interrotto e il sistema-calcio a quel punto dovrà trovare le risorse cercando di ridurre gli stipendi dei calciatori, magari tramite un provvedimento legislativo».