Mandragora: «Ho già iniziato la riabilitazione, spero di tornare in campo presto»

Roma Mandragora
© foto www.imagephotoagency.it

Rolando Mandragora ha parlato ai microfoni di Sky Sport nel giorno del suo compleanno: queste le parole del centrocampista bianconero

Rolando Mandragora ha parlato ai microfoni di Sky Sport nel giorno del suo compleanno. Queste le parole del centrocampista dei friulani, che nei giorni scorsi si è operato al ginocchio dopo il brutto infortunio rimediato contro il Toro.

RECUPERO – «Ho già iniziato il percorso riabilitativo, il ginocchio lo sento bene. Spero di tornare in campo presto anche se non voglio darmi tempi visto che l’infortunio è serio».

TIFOSI«Non posso che ringraziarli per i pensieri che hanno avuto per me. Ringrazio anche Kevin Lasagna che mi ha dedicato il gol contro l’Atalanta. Ieri ho visto la partita ed è stato un sorriso a metà visto che abbiamo provato a portare punti a casa in tutti i modi ma non ci siamo riusciti. La prestazione c’è stata, sono sicuro che anche i risultati arriveranno».

LAVORO – «Non sono in grado di poter dare consigli a Gotti, sono un giocatore. È capace il mister che ci osserva ogni settimana, i punti devono arrivare visto che sono fondamentali. Spero che trovino la quadra giusta e che portino dei punti visto che sono la cosa più importante».

ROMA – «Tutte le partite di Serie A sono complicate, ci giocheremo la partita come siamo in grado di fare. Abbiamo il dovere e la voglia di provarci, sappiamo di affrontare un avversario difficile e sappiamo che dovremo fare la partita con il massimo dell’impegno».

CLASSIFICA – «Si gioca ogni 3 giorni quindi c’è possibilità di fare bene, possiamo svoltare da un momento all’altro. Dobbiamo continuare a fare prestazioni e cercare di fare punti».

FUTURO – «In questo momento non sto pensando al mio futuro, sono sicuro che Udinese e Juve troveranno un accordo per la mia crescita personale. Sto pensando al ginocchio, a recuperare e poi quello che sarà sarà».

STADIO – «Spero di andare a seguire la partita allo stadio, se il ginocchio me lo permetterà. Voglio soffrire con i miei compagni e dargli la carica nello spogliatoio».