Milan, Fassone risponde a Pallotta: «Confrontiamo i bilanci!»

han li yonghong li fassone milan
© foto www.imagephotoagency.it

Dopo le dichiarazioni del presidente della Roma James Pallotta sui conti del club, è arrivata la replica da parte del’ad del Milan Marco Fassone: ecco le sue dichiarazioni

Attacco frontale da parte del presidente della Roma James Pallotta, ecco la risposta del Milan. Marco Fassone, amministratore delegato dei rossoneri, ha commentato così tramite la pagina Facebook ufficiale del club meneghino: «Sono sbalordito quando stamattina ho letto queste dichiarazioni. Primo per lo stile: è inusuale, almeno in Italia, che un club attacchi in modo così diretto, con questa terminologia, una consorella. Secondo, per le imprecisioni contenute in queste dichiarazioni: la mia reazione immediata è stata quella di sbalordimento a sentir dire che la proprietà del Milan non ha i soldi per comprare il club. Secondo, quando si parla di cifre totalmente sbagliate: tutti sanno che la parte relativa al fondo Elliott per finanziare l’acquisizione del club è di 180 milioni su un valore del club di 740 milioni. Ripeto: imprecisioni da una parte e stile dall’altra quanto meno discutibili».

Il Milan risponde a James Pallotta

Continua Marco Fassone: «Non so a cosa si riferisca quando dice ‘pagheranno le conseguenze’, non so se è una minaccia o meno. Abbiamo emesso un bond di 50 milioni di euro totalmente destinato alla campagna di questa estate, siamo ampiamente al di sotto del consumo di questo bond. Ci sono piani pluriennale, presentati a un CdA di qualità, presentati anche alla Uefa. E’ pubblico, potrò farlo vedere tranquillamente al presidente Pallotta: se sono minacce, le rispedisco al mittente». Conclude l’ad rossonero: «Mi preoccupa l’accusa di perdere la testa. Noi manager siamo razionali e freddi, ogni investimento fatto è calcolato e basato sul fatto che si pensa di ripianarlo con i ricavi aggiuntivi. I calciatori acquisiti danno un valore alla società, i nostri assett sono i calciatori: sono giovani, di prospettiva e di grande potenziale. Queste dichiarazioni mi hanno dato uo scossone: se Pallotta vorrà, sono a disposizione per confrontare i bilanci miei e quelli della Roma».