Napoli, Grassani: «Decidono le ASL, non si deve giocare a tutti i costi»

Iscriviti
diawara roma
© foto www.imagephotoagency.it

Il Napoli conferma la tesi che sia stata l’ASL a bloccare la sua partenza per Torino, come confermato dal proprio avvocato Mattia Grassani.

Il legale del Napoli Mattia Grassani è intervenuto alla trasmissione radiofonica Radio Anch’Io lo Sport commentando quanto accaduto ieri sera in occasione del mancato svolgimento di Juventus-Napoli.

LA DECISIONE – «In caso di contatti stretti e quarantena a decidere sono le ASL del territorio. Quello che mi indigna è che ci siano persone che ipotizzano l’esistenza di ASL che possano condizionare le gare in base agli interessi, senza pensare alla salute della gente».

SCONFITTA A TAVOLINO – «Se il Giudice Sportivo agisse in questo senso lo sport perderebbe l’occasione per dare un messaggio chiaro, ovvero che non si deve giocare a tutti i costi a prescindere dal bene superiore della salute».

SOSPENSIONE CAMPIONATO – «Al momento non ci sono i presupposti, ma credo che debba essere stilato un piano B che ipotizzi un campionato più corto con l’assegnazione di tutti i titoli penso siano già allo studio».