Connettiti con noi

Roma News

Roma, Mirante: «Non mi aspettavo di essere titolare. Dzeko è quello di sempre»

Pubblicato

su

Antonio Mirante si racconta: tra il ruolo di titolare alla Roma ed il suo passato alla Juventus. Le sue parole anche su Dzeko

Antonio Mirante, intervistato da Sportweek, ha parlato del suo ruolo alla Roma e del suo passato.

TITOLARE«Io con Fonseca non ho mai parlato. Ripeto: non mi aspettavo di essere titolare alla prima di campionato. So di avere accanto un portiere bravo, giovane, ambizioso e che la Roma ha pagato parecchio, 28 milioni. La mia filosofia non è quella di lavorare da solo, curando solo i miei interessi allo scopo di tenermi il posto, ma insieme a lui per portare tanti punti alla squadra».

PAU LOPEZ«Non c’è stato bisogno di chiarirsi. Siamo due persone intelligenti. Ho sempre avuto ottimi rapporti coi miei colleghi, sia quando giocavo, sia quando stavo in panchina. Mi piace pensare che quello che ho di fianco sia un compagno e non un avversario. Il portiere è un ruolo di sofferenza, soprattutto durante la settimana. È evidente che ci sono delle gerarchie, come è evidente che, quando è arrivato Pau, io avevo finito la stagione da titolare, tanto da conquistare la Nazionale. Avevo voglia di continuare a giocare, eppure ho accettato di scivolare di nuovo all’indietro».

MIRANTE, DONNARUMMA, SORRENTINO, IEZZO«Il segreto è Ernesto Ferrara, il maestro che tutti noi abbiamo avuto. Lui riusciva a guardare un portiere in prospettiva, intuendo cosa sarebbe potuto diventare: è una cosa difficilissima. Mi ha dato delle basi tecniche che mi hanno aiutato al Sorrento prima e alla Juve poi. Donnarumma è fisicamente straripante, e se a queste doti aggiungi la tecnica che gli ha dato Ferrara, il risultato è che Gigio è destinato a diventare il più forte di tutti».

DZEKO – «Lui è paziente, comprensivo, ma sa essere anche duro. Di Edin mi colpisce la professionalità, venuta fuori anche nell’ultimo periodo, quando poteva sbandare dopo tutte le voci che lo volevano alla Juve e invece si è confermato quello di sempre, arrivando a Trigoria per primo e uscendo per ultimo. Lui ci tiene alla Roma. È qui da cinque anni e sente la responsabilità di quello che rappresenta».

VAN DER SAR«Il primo è stato Van der Sar. Mi regalò subito un paio di guanti perché io non avevo sponsor. Era uno dei primi nel suo ruolo a saper giocare benissimo coi piedi. Ha avuto la sfiga di commettere un paio di errori determinanti, uno dei quali costò alla Juve lo scudetto a vantaggio proprio della Roma».

BUFFON «A lui, come a Donnarumma, il Signore ha poggiato la mano sulla testa e gli ha detto: tu sei nato portiere. Nel nostro ruolo le doti fisiche e atletiche sono determinanti. Il resto lo fa la personalità. Non ho mai visto Buffon “subire” la partita, il risultato. La sua consapevolezza, la sua sfrontatezza lo hanno molto aiutato, soprattutto nei primi anni di carriera».

GASPERINI «L’avevo già avuto in Primavera alla Juve. Il primo giorno mi mandò a fare la doccia. Mi aveva ordinato di raccogliere i palloni tra una partitella e l’altra e io avevo fatto l’errore di rispondergli che ero stanco. Con lui, poi, a Crotone in B, ho giocato sempre. È un allenatore che insegna calcio, un calcio offensivo e aggressivo. Se gli dai in mano un
giovane, lo trasforma in oro».