Baldissoni: «Tifosi, scusate per la figura»

© foto www.imagephotoagency.it

Il d. g. della Roma: «Niente esonero per Garcia, ma controlliamo»

La figuraccia rimediata al Camp Nou era prevedibile, ma non in queste proporzioni: la Roma esce con le ossa rotta dalla gara col Barcellona e il direttore generale giallorosso Mauro Baldissoni chiede scusa ai tifosi. Lo ha fatto poco fa, in diretta radio, parlando proprio della debacle di Champions League dell’altro giorno: una batosta che potrebbe influire anche sul resto della stagione, ma in cui comunque il dirigente romanista ha voluto vedere qualcosa di buono. «Io condivido la rabbia e la tristezza dei tifosi, ma queste cose fanno perdere energie. Chiediamo scusa a tutti per quanto successo, soprattutto a chi si è fatto il viaggio fino a lì, per la prestazione imbarazzante. Forse il processo della maturazione non è ancora giunto a termine come ci aspettavamo: dobbiamo crescere», le parole di Baldissoni.

BALDISSONI: «CHIEDO SCUSA PER LA FIGURACCIA» – «Adesso dobbiamo mettere da parte la figuraccia e andare avanti: la bandiera della Roma al Campo Nou è stata tenuta alta dai tifosi, ma non dalla squadra – ha continuato Baldissoni a Rete Sport . Possiamo ancora passare il turno di Champions League e vincere lo Scudetto, non c’è disperazione, non siamo all’ultima spiaggia, vogliamo dimenticare, ma non ignorare. Con l’Atalanta dobbiamo portare in campo le caratteristiche tecniche e umane che non abbiamo portato col Barcellona». Secondo qualcuno Rudi Garcia rischia il posto«Assurdo, giocatori e allenatori vengono valutati per le loro prestazioni, ma non ogni singola partita. Ci sono veritiche interne e stavolta abbiamo parlato di più, ma siamo ripartiti già. Siamo arrabbiati».