Sassuolo, Bonato: «Quattro punti alla salvezza, poi i rinnovi»

© foto www.imagephotoagency.it

Prosegue il dg: «Bergamo è un campo ostico, su Baselli discorsi prematuri»

Domenica prossima allo stadio Atleti Azzurri d’Italia andrà in scena un importante gara, in chiave salvezza, tra Sassuolo e Atalanta. La formazione neroverde, in caso di vittoria, ipotecherebbe la salvezza con ben otto turni di anticipo. Segnali importanti di una programmazione che sta portando i risultati sperati e che permetteranno alla società del patron Squinzi di iniziare a delineare le linee strategiche in vista della prossima stagione. Per fare il punto della situazione in casa neroverde, abbiamo contattato in esclusiva il direttore generale Nereo Bonato.

Direttore, domenica renderete visita ad una Atalanta che sta vivendo una fase diffcile della stagione. Quali insidie nasconde la gara?
«Quello di Bergamo storicamente è un campo ostico, in casa hanno la spinta di un pubblico caloroso e hanno fatto bene spesso bene in passato. E’ vero, hanno qualche problemino ma non dobbiamo abbassare la guardia, l’Atalanta ha delle individualità di buon livello. Servirà una prestazione importante, di spessore».

In caso di vittoria, la salvezza sarebbe cosa fatta.
«Servono tre o quattro punti per raggiungere l’obiettivo. Troveremo una squadra affamata di punti ma lo siamo anche noi perchè abbiamo tutta l’intenzione di chiudere alla grande una stagione che riteniamo sia stata positiva».

La vittoria ottenuta contro il Chievo è stata importante per il morale dopo un periodo di leggero calo. Colpa forse anche delle tante voci di mercato?
«Ma non credo sinceramente, abbiamo fatto un girone di andata importante con degli ottimi risultati. Nella fase iniziale del girone di ritorno abbiamo pagato dazio ad un calendario difficile e ai tanti infortuni nel reparto difensivo. Adesso abbiamo recuperato diverse pedine importanti che possono risultare determinanti nelle restanti nove gare. Affronteremo tutte le squadre del nostro pari livello, siamo fiduciosi».

Una volta ottenuta la salvezza, spazio ai rinnovi: Pomini e Magnanelli saranno i primi della lista?
«La priorità, allo stato attuale, è quella di fare punti che ci permetterebbero di festeggiare la salvezza. Una volta ottenuta, andremo ad analizzare la prossima stagione partendo sicuramente dai rinnovi. C’è la volontà di proseguire il discorso con loro».

Baselli viene accostato con insistenza alla vostra società, quanto c’è di vero?
«Dobbiamo essere concentrati sul presente, sul progetto e poi faremo le valutazione anche in sede di calciomercato».

Direttore, però è un profilo che vi piace quello dell’atalantino?
«Dopo aver concluso i rinnovi, dovremmo capire quelle che saranno le reali necessità. Adesso è ancora prematuro parlarne».