Spalletti nel post partita: «Icardi è un bomber di razza. Rigore? Non c’era»

spalletti inter
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Luciano Spalletti al termine di Roma-Inter, match valido per la seconda giornata di Serie A Tim

Luciano Spalletti, tecnico dell’Inter, al termine del match vinto contro la Roma, ha parlato ai microfoni di Sky Sport: «I calciatori sono stati martellanti e nonostante gli errori, l’idea di gioco c’è stata sempre. Icardi e Dzeko? Sono gli attaccanti più forti del campionato, perché sono bravi a smarcarsi in area di rigore. Dzeko è più tecnico nel palleggio, mentre Icardi è più cattivo, trova tutti gli spazi in area. Gli basta molto poco, ma non deve accontentarsi. Contatto Skriniar-Perotti? Per me non era rigore, lui va ad intercettare ma non provoca il fallo sull’argentino. Per me non era da fischiare, ma la Roma è stata sfortunata ugualmente, ha preso 3 pali. Anche noi però siamo stati bravi a costruire almeno 4 palle goal nitide, cosa che ha fatto anche la Roma. Primo tempo? Avendo una sola punta, abbiamo costruito lentamente, ma non siamo stati veloci nella ricerca. Se la palla non viaggia, qualsiasi squadra risulta ordinata dietro. Dopo si è visto il cambiamento. Vecino? E’ un centrocampista completo, che ha ancora margini di miglioramento. Muove la palla a due tocchi e si butta oltre i centrali. Ci può dare una grossa mano. E’ un ragazzo per bene, molto educato. Deve convincersi che è un grande calciatore. Meglio un attaccante che aiuto o uno come Icardi? Si possono avere entrambe le cose. Dzeko le fa, anche Mertens. A Icardi, invece, frega un po’ meno, ma dipende da ciò che vuoi. E’ certo però che avere un giocatore così cattivo negli ultimi 16 metri è un gran vantaggio, perché poi i compagni possono supportare la sua assenza. E’ un bomber di razza».