Connettiti con noi

Hanno Detto

Tassotti, difesa del Milan: «Kalulu una sorpresa, Maignan che personalità»

Pubblicato

su

L’ex Mauro Tassotti ha parlato della difesa del Milan, la migliore di questa stagione in vista dell’ultimo atto del campionato

In un’intervista a La Gazzetta dello Sport Mauro Tassotti ha parlato dei difensori del Milan.

KALULU – «È il più sorprendente. Quando è entrato avrebbe potuto soffrire l’assenza di una spalla come Kjaer, il leader del reparto. Ha sempre fatto molto bene, ha  grande velocità di base, recupera, anticipa, si fa vedere anche in zona gol. Il gioco del Milan, dinamico e ormai collaudato, aiuta a emergere a esaltare le caratteristiche del singolo: ma lui ci ha messo il suo e anche di più».

MAIGNAN – «Ha una personalità fortissima, non si limita solo a parare e a farlo benissimo. Gioca, partecipa, spesso è molto alto, dà indicazioni».

TOMORI – «Bravissimo nei recuperi, ha una velocità impressionante. Anticipa tanto, è sempre aggressivo: per caratteristiche mi ricorda Vierchowod».

CALABRIA – «L’ho sempre seguito con simpatia, difeso e apprezzato per la crescita costante. E’ importante avere un giocatore in prima squadra che arriva dal settore giovanile, è un segnale per tutto il club. E’ stato autore di una grande stagione, merita anche la considerazione azzurra». 

THEO HERNANDEZ – «Complimenti intanto alla società per averlo scelto quando era solo una seconda linea del Real Madrid. Lui ha aggiunto un lavoro per migliorarsi continuamente: ha caratteristiche fisiche uniche, quello che fatto domenica scorsa è una giocata riservata a pochi eletti. Non nel suo ruolo, parlo in generale: è roba da Weah, da Messi. Una combinazione pazzesca di spinta e tecnica. Un gol che se possibile ha esaltato ancora di più San Siro: ero allo stadio, l’atmosfera era davvero incredibile, da pelle d’oca. Per quello, per l’unione che si è creata tra ambiente, squadra, allenatore e società, e per la fame di vittoria questo Milan ricorda davvero le nostre grandi squadre del passato. Dopo anni difficili, lo merita».