Udinese-Juventus 2-6: pagelle e tabellino

© foto www.imagephotoagency.it

Udinese-Juventus, 9ª giornata Serie A TIM 2017/2018: cronaca in diretta live con formazioni ufficiali, risultato, pagelle, tabellino e sintesi

Gara complicata e in salita per la Juventus, sotto di un gol dopo appena 8 minuti. I bianconeri, in difficoltà ancora una volta nella fase difensiva, non hanno però mollato e hanno reagito immediatamente restando in svantaggio solo per 6 minuti e dopo altri 6 minuti hanno ribaltato la gara. L’espulsione di Mandzukic ha rischiato di complicare i piani e il gol di Danilo all’inizio del secondo tempo sembrava raccontare un match diverso ma Delneri e i suoi non hanno fatto i conti con Rugani, Khedira e Pjanic che hanno regalato 3 punti importantissimi alla Juventus. I bianconeri di Allegri hanno sfruttato il pari in Napoli-Inter per portarsi a -3 dagli azzurri e a -1 dai nerazzurri. Friulani contestati: ora Delneri rischia.

Udinese-Juventus 2-6: tabellino

MARCATORI: 8′ pt Perica (U); 14′ pt aut. Samir, 20′ pt Khedira (J); 2′ st Danilo (U); 7′ Rugani, 14′ st 42′ st Khedira, 45′ st Pjanic (J)

UDINESE (4-4-2): Bizzarri 5; Alì Adnan 6 (28′ st Stryger Larsen 5,5), Danilo 5,5, Nuytinck 5, Samir 4,5 (22′ st Pezzella 5,5); De Paul 5,5, Fofana 5,5, Hallfredsson 5, Jankto 5,5; Maxi Lopez 5, Perica 6 (27′ st Bajic 5,5). A disposizione: Borsellini, Scuffet, Bochniewicz, Balic, Barak, Behrami, Ingelsson, Matos, Lasagna. Allenatore: Luigi Delneri

JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon 7; Lichtsteiner 6 (44′ st Bernardeschi S.v.), Rugani 6,5, Chiellini 6, Alex Sandro 5,5; Khedira 8, Pjanic 7,5; Cuadrado 7 (34′ st Barzagli S.v.), Dybala 6,5 (23′ st Douglas Costa 6,5), Mandzukic 5; Higuain 7. A disposizione: Szczesny, Pinsoglio, Asamoah, Marchisio, Bentancur, Bernardeschi. Allenatore: Massimiliano Allegri

ARBITRO: Daniele Doveri della sezione di Roma

NOTE: AMMONITI: Samir, Perica, Danilo, Hallfredsson, Fofana (U); Mandzukic, Cuadrado (J). ESPULSI: Mandzukic (J) al 25′ pt per proteste (doppia ammonizione); Delneri (U) allontanato per proteste al 5′ del secondo tempo.

LE PAGELLE

UDINESE – IL MIGLIORE

PERICA 6 – Mette in apprensione Chiellini in avvio e realizza un grande gol, riuscendo a dribblare il difensore della Juve, uno dei migliori in marcatura. Si sacrifica e lotta, esce stremato nel finale.

UDINESE – IL PEGGIORE

SAMIR 4,5 – Non è in giornata e si vede. Dà il via alla rimonta della Juventus con uno stranissimo autogol: sovrasta Khedira ma infila il pallone nella porta sbagliata. Soffre l’intraprendenza di Cuadrado e ci capisce ben poco.

JUVENTUS – IL MIGLIORE

KHEDIRA 8 – Sono mancati tantissimo i suoi inserimenti alla Juventus! Matuidi lo aveva già rimpiazzato nei cuori dei tifosi bianconeri ma oggi Sami ha fatto vedere di essere ancora indispensabile per Allegri e per la Juve e non a caso è sceso in campo per 3 volte su 3 in 8 giorni. Splendida e decisiva la sua tripletta.

JUVENTUS – IL PEGGIORE

MANDZUKIC 5 – Sciocco al momento dell’espulsione. Protesta e manda platealmente a quel paese l’arbitro e rischia di complicare i piani dei suoi ma per sua fortuna la Juve fa quadrato e realizza addirittura 6 gol all’Udinese ma una sciocchezza del genere era evitabile!

UDINESE-JUVENTUS: CLICCA QUI PER AGGIORNARE

Udinese-Juventus: diretta live e sintesi

SINTESI SECONDO TEMPO – La Juve, come è successo nelle ultime occasioni, ha sbagliato l’approccio nella ripresa ma è riuscita ad avere la meglio dell’Udinese grazie alle giocate dei suoi centrocampisti, Khedira e Pjanic, decisivi in zona gol e di un difensore (Rugani). La difesa ancora non convince ma i bianconeri piemontesi davanti a loro hanno trovato una difesa ancora più in difficoltà e hanno dilagato nel finale.

45’+1 – Triplice fischio finale alla Dacia Arena: Udinese 2 Juventus 6!

45′ – Sesto gol della Juventus: conclusione dalla distanza di Pjanic, deviazione di Nuytinck e ospiti sul 2-6.

44′ – Terzo e ultimo cambio nella Juve: fuori Lichtsteiner, dentro Bernardeschi.

42′ – Quinto gol della Juventus: Khedira si invola sulla destra e calcia in diagonale sorprendendo Bizzarri. Udinese 2 Juventus 5.

38′ – Conclusione dal limite di Maxi Lopez, Buffon controlla. Pochi secondi più tardi ammonito Fofana per un fallo su Pjanic.

37′ – Ultimo cambio per Delneri: fuori Perica, dentro Bajic.

34′ – Altro cambio nella Juve: fuori Cuadrado, dentro Barzagli.

33′ – Proteste dell’Udinese: palla sul secondo pallo per Larsen, Alex Sandro frena con il braccio il danese. Il Var non è intervenuto.

28′ – Secondo cambio nell’Udinese: fuori Alì Adnan, dentro Stryger Larsen.

23′ – Cambio anche nella Juve: fuori Dybala, dentro Douglas Costa.

22′ – Primo cambio: l’Udinese sostituisce Samir e manda in campo Pezzella.

20′ – Annullato il quinto gol alla Juventus: Higuain, che poi aveva lasciato il pallone a Dybala, viene pizzicato in posizione irregolare dall’assistente.

16′ – Ammonito Cuadrado per un fallo su Samir.

13′ – Ammonito Hallfredsson per un fallo su Dybala. Dal calcio di punizione nasce il gol del 2-4 della Juve: calcio piazzato di Pjanic, Rugani non impatta bene ma il suo colpo di testa diventa una sponda per Khedira che trova la doppietta personale.

10′ – Numero di Dybala, Danilo lo stende prima dell’ingresso in area di rigore: ammonizione per il difensore. Punizione tesa di Pjanic, deviazione in angolo di Adnan.

7′ – Scontro tra Cuadrado e Perica: ammonito l’attaccante croato. Allontanato Delneri per proteste. Dal calcio di punizione nasce il gol della Juve: punizione di Dybala, Rugani anticipa tutti e di testa fa 2-3.

2′ – L’Udinese pareggia: calcio di punizione dalla destra, colpo di testa di Danilo, tutto solo e Udinese sul 2-2. La Juve protesta per una presunta posizione di fuorigioco del difensore ma il Var convalida il gol.

1′ – Calcio d’inizio del secondo tempo effettuato dall’Udinese. Nessun cambio all’intervallo. Si riparte con gli stessi 21 del primo tempo, sul punteggio di 1-2 per la Juve.

SINTESI PRIMO TEMPO – Gara dai mille volti. Buona partenza dell’Udinese che ha approfittato di un errore difensivo della Juve in fase di costruzione per portarsi in vantaggio. I bianconeri però non sono andati in crisi, hanno giocato e hanno ribaltato lo svantaggio in 6 minuti con un autogol di Samir e un gol di Khedira. La Juve ha sfiorato il tris ma è rimasta in 10 dopo l’espulsione di Mandzukic e ha faticato a uscire, concedendo due palle gol ai friulani.

45’+2 – E’ terminato il primo tempo. Udinese-Juve 1-2. Ospiti in 10 per l’espulsione di Mandzukic.

45’+2 – Altra occasione per la Juve: Buffon, che sembrava superato dal pallone, lo sfiora con la punta delle dita e mette fuori causa Perica.

45′ – Due minuti di recupero.

44′ – Occasionissima per l’Udinese: cross di Adnan sul secondo palo, conclusione a botta sicura di Jankto, respinta con i piedi da un ottimo Buffon.

39′ – L’Udinese preme sull’acceleratore ma non riesce a creare pericoli alla difesa della Juventus.

35′ – Occasione per l’Udinese: cambio gioco di De Paul, Jankto controlla e tira, Buffon respinge, il pallone arriva nuovamente al ceco che spara alto con il destro.

32′ – Ammonito Samir per un fallo tattico su Lichtsteiner.

25′ – Ancora Juve vicina al gol: Lichtsteiner in in profondità per Higuain che serve in mezzo Mandzukic ma viene anticipato da Adnan. L’iracheno e il croato non le mandano a dire. Doveri decide di ammonire entrambi, all’attaccante della Juve scappa una parola di troppo e l’arbitro decide di tirare fuori il cartellino rosso per Mandzukic.

22′ – La Juve va vicina al tris: Higuain riceve palla in area, si gira e calcia ma il Pipita colpisce il palo.

20′ – La Juve passa in vantaggio: splendida azione corale dei bianconeri che con una serie di passaggi ribaltano l’azione. Cross di Cuadrado dalla destra, colpo di testa di Khedira e Juve in vantaggio.

18′ – La Juventus sfiora il bis: calcio d’angolo di Pjanic, colpo di testa di Chiellini che sfiora il palo alla destra di Bizzarri.

14′ – Pareggio della Juventus: calcio d’angolo di Pjanic, colpo di testa di Samir che anticipa Khedira ma manda in porta il pallone alle spalle dell’incolpevole Bizzarri.

11′ – Ancora in avanti la Juve: tiro di Pjanic, conclusione alta.

10′ – Reagisce la Juventus: cross dalla destra di Cuadrado, colpo di testa di Mandzukic che viene murato da Adnan.

8′ – L’Udinese è in vantaggio: contropiede di Perica che ha puntato Chiellini e ha battuto Buffon con il mancino. Tutto è nato da un passaggio errato di Rugani per Khedira, Fofana ha recuperato palla e Maxi Lopez ha servito in profondità Perica.

5′ – Fase di studio della gara: la Juve tiene palla e l’Udinese si difende con tutti i suoi effettivi, provando a ripartire.

2′ – L’Udinese è in campo con la tradizionale maglia bianconera, i bianconeri sono in campo con il completo giallo.

1′ – Fischio d’inizio di Doveri. E’ iniziata la sfida della Dacia Arena tra Udinese e Juve.

Le squadre stanno entrando in campo. Sta per iniziare il posticipo delle 18 della nona giornata di Serie A tra Udinese e Juve.

Manca poco al fischio d’inizio. Restate con noi per tutti gli aggiornamenti e per la diretta live di Udinese-Juve.

Diretta live dalle 18

Udinese-Juventus: formazioni ufficiali

Udinese e Juventus hanno bisogno dei 3 punti per proseguire la rincorsa verso i rispettivi obiettivi (salvezza per i friulani, lo Scudetto per i piemontesi) e quella della Dacia Arena si preannuncia una sfida ricca di pathos. L’Udinese dell’ex Delneri dovrà rinunciare a Widmer mentre la Juventus di Max Allegri dovrà fare a meno di Benatia, Sturaro, De Sciglio, Howedes, Pjaca e dell’ultimo infortunato Blaise Matuidi. Confermate le indiscrezioni della vigilia: fuori i nuovi acquisti e nona formazione diversa in nove giornate per la Juve. Dentro Rugani in difesa. In avanti Cuadrado, Dybala, Mandzukic e Higuain. Sorprese nei friulani: dentro Alì Adnan a destra con Samir a sinistra. In mediana Hallfredsson vince il ballottaggio con Behrami. In avanti Maxi Lopez e Perica.

UDINESE (4-4-2): Bizzarri; Samir, Danilo, Nuytinck, Alì Adnan; De Paul, Fofana, Hallfredsson, Jankto; Maxi Lopez, Perica. A disposizione: Borsellini, Scuffet, Bochniewicz, Pezzella, Stryger Larsen, Balic, Barak, Behrami, Ingelsson, Bajic, Matos, Lasagna. Allenatore: Luigi Delneri.

JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon; Lichtsteiner, Rugani, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic; Cuadrado, Dybala, Mandzukic; Higuain. A disposizione: Szczesny, Pinsoglio, Barzagli, Asamoah, Marchisio, Bentancur, Douglas Costa, Bernardeschi. Allenatore: Massimiliano Allegri

ARBITRO: Daniele Doveri della sezione di Roma

Udinese-Juventus: probabili formazioni e pre-partita

Possibile cambio di modulo per Delneri, che potrebbe anche passare dal 4-4-2 al 4-1-4-1 allo scopo di frenare le incursioni juventine. In difesa rientra il capitano Danilo, così come sulla corsia destra dovrebbe essere recuperato anche Jens Stryger Larsen. Allegri dovrebbe dare spazio ad un po’ di turnover (ma non troppo) in vista del turno infrasettimanale di mercoledì prossimo contro la Spal. Rientrerà di sicuro Stephan Lichtsteiner, che non ha giocato in coppa. Al centro della difesa, piuttosto, Daniele Rugani, che non si vede tra i titolari da un bel po’ di tempo, si gioca qualche chance in ballottaggio Andrea Barzagli ma dovrebbe spuntarla Chiellini. Non ci saranno dal primo minuto gli infortunati Blaise Matuidi, Medhi Benatia, Stefano SturaroClaudio Marchisio, Marko Pjaca e Mattia De Sciglio, vicini però al ritorno.

UDINESE (4-4-2): Bizzarri; Stryger Larsen, Danilo, Nuytinck, Samir; De Paul, Fofana, Behrami, Jankto; Maxi Lopez, Perica. A disposizione: Borsellini, Scuffet, Bochniewicz, Pezzella, Adnan, Balic, Hallfredsson, Barak, Ingelsson, Bajic, Matos, Lasagna. Allenatore: Luigi Delneri.

JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon; Lichtsteiner, Rugani, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic; Cuadrado, Dybala, Mandzukic; Higuain. A disposizione: Szczesny, Pinsoglio, Asamoah, Barzagli, Marchisio, Bentancur, Bernardeschi, Douglas Costa. Allenatore: Massimiliano Allegri.

Le parole di Gigi Delneri, allenatore dell’Udinese, alla vigilia dell’incontro con la Juve: «Penso che giocherà anche perchè ha caratteristiche molto importanti per noi. Deve avere l’orgoglio di uscire da questo momento difficile e tornare ad essere quello che era lo scorso anno, e lo potrà fare solo giocandoDobbiamo giocare una partita mantenendo l’equilibrio tattico e lavorare con grande attenzione. La Juve è creata per obiettivi importanti. Per noi le motivazioni sono tante e dobbiamo lottare molto dal punto di vista fisico perché dal punto di vista tecnico è chiaro che la Juve è superiore. Per questo dobbiamo lavorare moltoLa Juve è vero che ha perso contro la Lazio, ma in quella partita ha anche colpito due pali e sbagliato un rigore, questo dimostra che è una squadra sempre votata all’attacco. Noi dobbiamo impegnarci al massimo perchè affrontiamo una squadra importante. Dovremo giocare come lo scorso anno puntando molto sul lavoro fisicoSamir sta facendo progressi sul campo. Dalle prime partite in cui era in difficoltà come passo, adesso acquisisce aggressività nel suo ruolo. Ha le caratteristiche giuste per fare un buon campionato. Noi abbiamo una squadra con molti giocatori nuovi. Per inserirsi in questo campionato le cose da imparare sono molte, come anche le difficoltà. Ma so che di sicuro come è stato creato il gruppo in passato, anche adesso si creerà un gruppo non appena tutti capiranno cosa fare. Poi se avremo anche meno sfortuna potremo lavorare e partite come quella di domani possono dire se siamo in grado di combattere bene. Io penso che la squadra abbia le caratteristiche per fare beneNon dobbiamo fare sempre obiettivi punitivi. Non abbiamo fatto il ritiro perchè abbiamo pensato che non ce ne fosse bisogno, ci siamo parlati con la società e abbiamo scelto la strada migliore per ottenere il massimo dei risultati. Widmer o LarsenHo tutti e due e nessuno dei due. Nel pomeriggio abbiamo l’allenamento e vedremo chi sta meglioBuffon è un esempio per tutti coloro che si avvicinano al calcio, una figura che fa vedere come si fa calcio e come ci si comporta nel mondo del calcio. Sono onorato di averlo allenato è grande professionista ed è stato artefice dell’evoluzione del ruolo del portiere».

Massimiliano Allegri, allenatore della Juve, ha parlato così prima della gara di Udine: «Dybala sta bene, fisicamente e mentalmente. Può capitare di star fuori, io ho fatto delle scelte ma domani Rugani gioca. Marchisio domani è convocato. Non ci sarà Matuidi, ha accusato un problema al flessore. De Sciglio tornerà lunedì a lavorare con la squadra. Höwedesrecupererà presto. Domani saremo sedici giocatori di movimento e avremo tre portieri, Buffon sta bene e gioca. In queste partite dobbiamo portare a casa più punti possibile, nelle ultime ne abbiamo già lasciati cinque per strada. Alex Sandro è un giocatore importante, sta bene fisicamente e lo dimostrerà. Su Sturaro valuteranno i dottori lunedì ma non credo ci siano problemi gravi. Invertendo Mandzukic e Costa con la Lazio magari avremmo vinto con loro e non con lo Sporting, meglio così, perché lo Sporting era più importante. Domani non dobbiamo prendere gol, in tre trasferte ne abbiamo presi cinque. Nel secondo tempo abbiamo fatto fatica con lo Sporting, siamo rientrati molli ma siamo stati bravi a riprenderci. Abbiamo concesso quasi zero ai portoghesi, se non l’ultimo cross. Napoli-Inter? Spero un pareggio, dato che entrambe non possono perdere, ciò non toglie che domani dobbiamo vincere. Sono rimasto colpito dal Napoli che conferma il percorso negli ultimi anni. Può competere con le prime in Europa. Spalletti è un grande allenatore, un valore aggiunto che ha dato solidità e sfrutta i grandi giocatori in avanti. Douglas Costa sta bene, nelle grandi squadre i cambi diventano importanti ma non so se gioca domani. Milan? Non sta bene ora ma tornerà a lottare tra le prime quattro». 

Udinese-Juventus: i precedenti del match

Sono 86 i precedenti complessivi, in Serie A, tra Udinese e Juventus. Il bilancio totale sorride alla Juve: 57 vittorie contro le 12 dell’Udinese, 17 i pareggi. Se ci concentriamo solo sulle sfide giocate in terra friulana il risultato non cambia: 25 vittorie in trasferta per la Juventus, solo 5 i successi dei bianconeri friulani, mentre 13 sono stati i pareggi. L’ultima volta alla Dacia Arena è terminata con il punteggio di 1-1. L’ultima vittoria dell’Udinese risale al 3 marzo del 201: i padroni di casa si imposero con un netto 3 a 0 (Sanchez, Pepe e Di Natale in gol) contro la formazione allenata dall’ex Zaccheroni!

Udinese-Juventus: l’arbitro del match

Sarà il signor Daniele Doveri, della sezione di Roma, a dirigere l’incontro tra Udinese e Juventus. Il fischetto romano sarà assistito da Costanzo e Peretti, Martinelli (quarto uomo), Massa e Sacchi (addetti al Var). Doveri ha arbitrato l’Udinese 14 volte per un bilancio di 4 vittorie, 4 pareggi e 6 sconfitte dei friulani. L’arbitro ha diretto la Juventus per 9 volte. Il bilancio sorride agli juventini con 7 vittorie (una in coppa Italia) e due pareggi. Quella di quest’oggi sarà la prima direzione arbitrali di Doveri in un Udinese-Juventus.

Udinese-Juventus Streaming: dove vederla in tv

Qui le informazioni complete: Udinese-Juventus Streaming gratis e diretta tv: come vederla. La partita andrà in onda a partire dalle ore 18 in diretta sulle frequenze di Sky Supercalcio e Sky Calcio 1 e in digitale terrestre su quelle di Mediaset Premium Sport. Non solo, perché Udinese-Juventus sarà trasmessa in streaming per pc, smartphone e tablet su tutti i device iOsAndroid e Windows Mobile tramite app Sky Go Premium Play.