Ligue 1: il PSG a +13, a Bastia disertata la Marsigliese

© foto www.imagephotoagency.it

I tifosi del Bastia disertano l’inno per coerenza

La Francia è stata scossa, così come tutto il mondo, dagli attentati a Parigi avvenuti lo scorso 13 novembre ma il calcio ha deciso di non fermarsi, di non arrendersi alla paura e di continuare a far rotoloare quel pallone che fa sognare milioni e milioni di persone. La 14esima giornata di Ligue 1 ha avuto un filo conduttore, ovvero la Marsigliese, l’inno francese risuonato in tutti gli stadi e cantato a squarciagola dalla popolazione francese. Non tutti però si sentono ‘francesi’ in particolare in Corsica. I tifosi del Bastia hanno deciso di disertare l’avvio della partita, entrando in concomitanza del fischio d’inizio della gara. Nella giornata numero 14 c’è da segnalare il nuovo allungo del Paris Saint Germain, ora a +13 sul Lione secondo. I parigini, scesi in campo con la scritta “Je Suis Paris” ben in vista, sotto il logo del club, hanno battuto il Lorient in trasferta per 1-2 grazie ai gol di Ongenda e Matuidi arrivati al 26′ e al 32′. Nella ripresa la rete di Moukandjo (capocannoniere del torneo) ha reso vivace il finale ma non è bastato per la rimonta definitiva. Il Lione secondo è stato abbattuto dal Nizza di Ben Arfa: Germain, Koziello e un autogol dell’ex Roma Yanga-Mbiwa hanno regalato la vittoria al Nizza, ora quarto a -1 proprio dal Lione e dal Caen, quest’ultimo fermato sullo 0-0 dall’Angers. Vittoria interna, di misura per il Monaco. La formazione di Jardim ha battuto per 1-0 il Nantes di der Zakarian grazie al gol al 43′ di Pasalic. Perde in casa il Saint-Etienne contro l’Olympique Marsiglia. La squadra di Michel ha sfruttato l’ottima vena realizzativa di Batshuay (in gol anche venerdì scorso contro l’Italia) e la rete di N’Koudou per espugnare il Geoffroy Guichard. Bel 2-2 tra Rennes e Bordeuax: Dembele e Grosicki non sono bastati ai padroni di casa, raggiunti dai gol di Crivelli e Contento (Sio al 96′ ha fallito un calcio di rigore, il sesto consecutivo in casa Rennes). Vince e convince il Guingamp: nel primo tempo Briand sbaglia un calcio di rigore, ma poi i bretoni trovano il modo di vincere contro il Tolosa grazie a Privat e Salibur nella ripresa. Successo importante anche per il Montpellier (3-1 sul Reims) e per l’Ajaccio, al quarto successo di fila, in casa del Bastia (1-2). Terminata 1-1 la sfida tra Troyes e Lille.

L’EPISODIO DI GIORNATA – Come vi abbiamo raccontato, nel week-end francese c’è stato grande raccoglimento e grande unità dopo i fatti del 13 novembre. In tutti gli stadi è risuonata la Marsigliese ma non tutti hanno deciso di stringersi attorno alla popolazione francese cantando l’inno della Francia. Situazione del tutto particolare a Bastia, in Corsica, in occasione del derby corso contro l’Ajaccio. I tifosi ospiti non hanno potuto presenziare alla partita a causa del divieto di trasferta imposto dalle autorità e i tifosi del Bastia, hanno deciso di ‘scioperare’ e di non occupare gli spalti prima del fischio d’inizio della partita. Si temevano fischi o addirittura la mancata esecuzione dell’inno ma così non è stato. Prima del derby corso, infatti, sono risuonati sia l’inno della Corsica “Diu Vi Salvi Regina” che la “Marsigliese”, accompagnata dallo striscione “Ripusate in pace“, in dialetto isolano. Nella nota ufficiale, i Bastia 1905 affermano di non voler presenziare durante l’esecuzione di un inno che non gli appartiene, pur nel rispetto delle vittime degli attentati.