Verdi, continua l’assedio delle grandi sul giocatore

Iscriviti
simone verdi
© foto www.imagephotoagency.it

Simone Verdi sta giocando una grande stagione, ma il d.s. Bigon conferma la resistenza del Bologna: «Ce lo teniamo stretto»

Segna di destro e di sinistro, su punizione e azione, di fatto trascina il Bologna il classifica. Senza Simone Verdi, la stagione rossoblu sarebbe differente: lo sa il club rossoblu e lo sa il ragazzo, perché il calciomercato della prossima estate sarà fondamentale. Difficile che il fantasista rimanga in Emilia nella prossima sessione estiva, mentre ci sarà una resistenza a oltranza a gennaio, quando il Bologna è determinato a resistere a qualunque sirena proveniente dal resto d’Italia.

GIOIELLO – A parlarne è lo stesso Riccardo Bigon, d.s. del Bologna, che a “Il Corriere dello Sport” non nega le offerte, ma le rimanda al mittente: «Tante offerte ci sono, sia in Italia che all’estero. Ce ne sono e ce ne sono state tante, ma noi resistiamo. A tutti piacerebbe avere una certa continuità tecnica, ma questo non vuol dire che non si possano fare comunque delle cose mantenendo prioritari gli interessi del Bologna». Intanto, il dirigente del club sottolinea anche il bisogno di lavorare sulla stabilità del rendimento: «Ci vuole equilibrio e tempo per lavorare. So quello che il Bologna può diventare come club in questo calcio e in questo campionato».

RIPRESA – La vittoria al “Bentegodi” in rimonta sull’Hellas è stata fondamentale: «In tutte le partite di quest’anno si è vista una maturazione di tipo caratteriale: è un percorso naturale, sapevamo che sarebbe successo. Con alti e bassi che fanno parte della stagione, ma più regolari rispetto all’anno scorso. Buone cose sono state fatte e altre ne faremo».