Alvarez – Sunderland: il TAS dà ragione all’Inter?

giudice sportivo alvarez
© foto www.imagephotoagency.it

La querelle legata all’argentino Ricky Alvarez, e al mancato pagamento dell’obbligo di riscatto da parte del club inglese, sembra essere arrivata alla fine

Alvarez si trasferì dall’Inter al Sunderland in prestito con obbligo di riscatto soltanto in caso di salvezza della squadra militante in Premier League. L’argentino è stato uno dei Black Cats dal luglio 2014 fino al gennaio 2016, per poi volare alla volta di Genova. Il Sunderland non ha mai voluto pagare all’Inter i 10,5 milioni di euro che doveva al club milanese in caso di permanenza in massima serie. Oltre ad accusare i neroazzurri di aver ceduto loro un calciatore con problemi al ginocchio. La sentenza della Fifa dà ragione alla società di Thohir, in caso di conferma anche da parte del Tas, come da indiscrezioni, la sentenza diventerebbe esecutiva.

BAD MOMENTS – Questo quanto si evince dall’edizione odierna del Daily Mail che ha riportato le cronache delle prestazioni di Alvarez nei mesi trascorsi in Inghilterra. Ad onor del vero il fantasista non ha dato un contributo eclatante al suo team: in 17 gare ufficiali ha realizzato soltanto 1 gol e rimediato 4 cartellini gialli. Forse il rendimento di Ricky ha pesato sulla scelta del Sunderland di non rispettare i patti con l’Inter. E la vicenda si è chiusa in tribunale.