Connettiti con noi

Hanno Detto

Caso Orsato, Cesari: «Voglia di protagonismo dell’arbitro, lo avrei fermato»

Pubblicato

su

L’ex arbitro Graziano Cesari ha analizzato il comportato di Orsato in Juventus-Roma

Graziano Cesari, ex arbitro italiano, in una intervista al Corriere dello Sport ha analizzato il comportamento di Daniele Orsato in Juventus-Roma.

PAROLE ORSATO – «Magari c’entra una certa voglia di protagonismo. Se fossi stato il designatore mi sarei arrabbiato per la spiegazione negli spogliatoi, mi sarei arrabbiato tantissimo. Da arbitro è un mio diritto sbagliare, certo che si può sbagliare. Ma poi ho il dovere di spiegare perché ho sbagliato e se fallisco in questo dovere, questo fa arrabbiare. E mi avrebbe fatto arrabbiare. E lo avrei fermato». 

VANTAGGIO – «Ovviamente deve esserci una chiara occasione da rete, non deve esserci nessuno che può ribattere, l’attaccante deve agire pressoché da solo e in perfetta coordinazione. Il caso di Abraham è l’episodio perfetto per spiegare cosa significhi dare un vantaggio. E il tocco di mano di Mkhitaryan, a meno che non si voglia andare dal dentista, è un movimento naturale di uno che cade e mette le braccia in avanti».