Connettiti con noi

News

Torino, Mihajlovic: «Serve una squadra rabbiosa»

Pubblicato

su

popescu mihajlovic petrachi

Ecco di seguito tutti gli argomenti trattati dall’allentore del Torino, Sinisa Mihajlovic, durante la consueta conferenza stampa di vigilia al match di campionato

Si è da poco conclusa la conferenza stampa di Sinisa Mihajlovic, tecnico del Torino. L’allenatore ovviamente ha presentato la sfida di domani contro il Crotone: «Queste due settimane di lavoro sono state positive. Con chi è rimasto a Torino abbiamo lavorato molto bene e poi quando sono tornati tutti abbiamo preparato al meglio la trasferta di domenica. Sarà una partita difficile che noi dovremo assolutamente vincere: servirà un Toro rabbioso come contro il Cagliari. Non dovremo sbagliare approccio e atteggiamento. Non esistono gare vinte in partenza. Non bisogna guardare la classifica: è una squadra che ci impegnerà e che ha perso alcune partite contro le grandi solo nei minuti finali. Se faremo una prestazione all’altezza potremo vincerla, altrimenti diventerà tutto più difficile. Se si guardassero i risultati dei primi tempi il Toro sarebbe primo, ma il Crotone quinto: quindi anche loro sono una squadra che parte forte».

Vietato parlare di turno favorevole?
«Non esistono partite facili, ma solo risultati favorevoli. Occorre rispettare tutti e affrontare ogni partita con il giusto atteggiamento dando sempre il massimo. In settimana ho fatto vedere ai ragazzi un’analisi delle nostre ultime 5-6 partite, dove abbiamo migliorato nella gestione della palla. Penso che siamo migliorati partita dopo partita e stiamo facendo passi avanti da quel punto di vista». 

Barreca?
«Aveva un po’ di febbre. Oggi vediamo come sta e poi valutiamo cosa fare. Ha fatto molto bene finora, ma deve continuare così: è giovane; ha i piedi per terra e sa che deve mantenerli. È migliorato molto anche in fase difensiva e può diventare uno dei più forti terzini in circolazione».Quante squadre sono al momento più forti del Toro?
«Difficile da dire perchè ogni partita fa storia a sè. Però va detto che anche nei match in cui abbiamo perso l’avversario non ci ha mai messo sotto. Sappiamo che vincere è difficile, ma confermarsi ancora di più. Spero che i miei ragazzi non cadano nell’errore di pensare che si possa vincere solo perchè siamo il Torino: ogni partita va giocata con la giusta attenzione e il corretto approccio».