Connettiti con noi

Inter News

Frey sicuro: «L’Inter è l’anti Juve. Ronaldo? Ne conosco solo uno ed è brasiliano»

Pubblicato

su

Inter e Parma si affronteranno sabato pomeriggio per il quarto turno di campionato: Sebastian Frey, ex di entrambe le squadre, ha detto la sua sul match

Sebastian Frey ha difeso la porta sia di Parma che dell’Inter, squadre che sabato pomeriggio si affronteranno nel quarto turno di campionato a San Siro. Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, il portiere francese ha detto la sua sul match: «Con chi vorrei giocare? Coi nerazzurri ho passato momenti bellissimi, anche se complicati. Il Parma? Anni stupendi, lì ho dimostrato di essere un portiere vero. Quin­ di? Inter: a San Siro da avver­ sari si fa una fatica bestiale». Frey non lesina poi una piccola stoccata a Cristiano Ronaldo, lui che con il Ronaldo brasiliano ci ha vinto e giocato: «Ma i bambini di oggi non sanno chi era il Ronaldo vero? Sto cercando di spiegarlo an­che a mio figlio. In quel ‘98 l’Inter aveva i giocatori più forti del pianeta. Il Fenomeno ha cambiato il calcio, ha scombussolato una genera­zione, è stato il primo gioca­tore completo e nessuno è più stato come lui. Io non ho mai visto da altri le cose fatte da Ronie. CR7 oggi è un top, Ro­naldo era un gradino sopra. Umanamente, poi, uno spet­tacolo: faceva sempre il rega­lo di Natale a tutti, magazzi­nieri compresi». 

Sull’antagonista della Juve in campionato, Frey non ha dubbi: «L’Inter deve essere l’anti­Juve. Da subito. Ha investito bene, Nainggolan è un acquistone. Handanovic poi è una garanzia. Certo. A volte sbaglia per gene­rosità ma è uno che sa rischiare. Se negli ultimi 4 anni non ci fosse stato, dove sarebbe l’Inter?». Chisura dedicata a Buffon e al suo passaggio al Paris Saint German: «Io non ho capito due cose. Di Gi­ gi e del PSG. La prima: che senso ha, avendo uno fortissimo come Areola, prendere Buffon? Gigi l’ho sempre adorato, ha fatto la storia, ma fossi stato in lui avrei smesso. Come spero che abbia fi­nito con l’azzurro. Secondo: se l’hanno preso per avere un lea­der nello spogliatoio, è una gui­da costosa… Il PSG ha tre portie­ri che costano 18 milioni. E chi guadagna meno è il titolare».