Connettiti con noi

Bayern Monaco

James Rodriguez da Ancelotti per una cifra ridicola: una beffa clamorosa per la Juve

Pubblicato

su

Calciomercato Juve: Marotta e Paratici hanno mollato troppo presto James Rodriguez, liberato a prezzo di saldo dal Real Madrid. I bianconeri hanno aspettato troppo per il colombiano

Il mercato della Juve, dopo una lunghissima fase di stallo, si è sbloccato. L’affare Douglas Costa è ormai stato definito sotto tutti i punti di vista: ai bianconeri il talentuoso brasiliano, proveniente dal Bayern Monaco, è costato circa 46 milioni di euro. Una cifra congrua al valore di un giocatore di enorme spessore a livello internazionale, che vuole giocare con continuità e che non avrebbe visto di buon grado l’eventualità di trovare poco spazio alla corte di Ancelotti. E il tecnico di Reggiolo si è subito consolato, prendendo James Rodriguez dal Real Madrid.

E il buon umore di Ancelotti e del Bayern Monaco è legato soprattutto alle cifre dell’operazione che ha portato il colombiano in Baviera. La Bild ha specificato i dettagli della trattativa con il Real Madrid: prestito per due anni fino al 30 giugno 2019, al costo di 10 milioni complessivi, con opzione di acquisto (non obbligo) fissato a 36 milioni di euro. Niente male, visto e considerato che James Rodriguez è un classe ’91, nel pieno della sua maturazione calcistica, che ha solo avuto la sfortuna di avere davanti dei mostri sacri come Bale, Benzema e Cristiano Ronaldo alla casa blanca.

James Rodriguez, il grande rimpianto di Allegri

Il colombiano è la grande beffa del Bayern Monaco alla Juve. Sì, perché Marotta e Paratici avevano provato a sondare la pista che avrebbe potuto portare il talentuoso trequartista a Torino. E sarebbe stato il giocatore perfetto per Allegri, che avrebbe potuto schierarlo in tutti e tre i ruoli della trequarti. O eventualmente anche nel 4-3-3. La Juve aveva anche la possibilità di offrire un ingaggio importante a James Rodriguez: 7.5 milioni più bonus, cifre molto simili a quelle che percepiva a Madrid, che non avrebbero creato squilibri nello spogliatoio. Le piste Milan e Inter, invece, sono sempre state molto fredde: la possibilità di non giocare la Champions League ha determinato la volontà del ragazzo di snobbare le due milanesi.

Il Bayern Monaco, con un blitz improvviso, si è aggiudicato la stella dell’ultimo mondiale beffando la Juve, che in questo mercato ha temporeggiato troppo su tutti i fronti. Non ultimo quello legato a Schick, che ha già svolto le visite mediche ma che non è ancora stato tesserato per motivi sconosciuti. Forse la strategia di attendere che la controparte abbassi le pretese economiche sta diventando una pratica dannosa per i bianconeri, che ora sperano di non dover fare i conti con l’Inter, pronta a rilanciare in extremis per Bernardeschi.