Juventus, Del Neri: “Affrontiamo il Chievo con rispetto, su Aquilani…”

© foto www.imagephotoagency.it

Del Neri vuole chiudere il 2010 con un successo: “Non dobbiamo pensare di essere già  in vacanza e dobbiamo fare di tutto per vincere. Finire bene l’anno ci darebbe più energia per la ripresa”. La Juve è reduce da due vittorie consecutive in campionato e centrarne un’altra domani a Verona, contro il Chievo, sarebbe il modo migliore per congedarsi da questa prima parte di stagione: Ã?«Nell’ultimo mese ci sono state diverse vittorie: quattro partite, con tre successi e un pareggio mi sembra una striscia positiva. Possiamo centrare un’altra vittoria, affrontando però il Chievo con grande rispetto. Non si rimane in A per tanto tempo se non ci sono qualità  e sono sicuro che troveremo un atteggiamento aggressivo da parte loro, quindi servirà  la migliore JuventusÃ?».
Del Neri spera di recuperare Aquilani, mentre è più scettico riguardo alla possibilità  di avere Marchisio a disposizione: Ã?«A questo punto, visto che Melo è squalificato la coppia di centrali di centrocampo potrebbe essere Aquilani-Sissoko, altrimenti giocherà  Giandonato. Il terreno del Bentegodi? à? particolare. à? stato sfruttato molto, da due squadre, dal rugby”¦ So che il Chievo ha fatto di tutto per metterlo a postoÃ?».
Tornando all’anno che si sta chiudendo, il bilancio per Del Neri non può che essere positivo: Ã?«Ho raggiunto obiettivi importanti che la Champions con la Sampdoria. Speriamo di concludere bene. Il migliore anno della mia carriera? Beh, anche vivere la B con il Chievo e poi essere in testa alla serie A l’anno dopo non è stato male. Significa che allora avevano scelto bene. A Verona ho trovato amicizie, rapporti consolidati e un feeling importante con la città Ã?».
Venendo all’ultima parte del 2010 e ai mesi trascorsi alla Juventus, Del Neri è soddisfatto dei progressi fatti, ma non si accontenta: Ã?«Nel calcio non c’è mai fine ai miglioramenti e devono essere continui in tutti i reparti. La difesa ora soffre meno perchè c’è più filtro a centrocampo, ma si deve continuare a crescere. A chi darei l’Oscar dell’anno? Al Presidente che ha fatto lievitare la Juventus e a Beppe Marotta che con i suoi collaboratori sta svolgendo un gran lavoro. Io son una parte di questo progetto, ma se tutto sta andando per il verso giusto è grazie alla crescita di Melo, alla disponibilità  di Del Piero”¦Quello che ho fatto lo devo ai miei giocatori. Io porto il mio bagaglio di esperienza e professionalità Ã?».

Fonte: juventus.com