Maradona, Ferlaino: «I geni non vivono da uomini comuni»

Iscriviti
Ferlaino Maradona
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex presidente del Napoli Corrado Ferlaino ha ricordato Diego Armando Maradona

Corrado Ferlaino è stato il presidente di Diego Armando Maradona. L’uomo che portò il Pibe de Oro a Napoli. E in una intervista a La Gazzetta dello Sport, l’ex patron del club partenopeo ha ricordato la leggenda argentina.

NOTIZIA«Ha dato molto al Napoli e alla città, anche a me da un certo punto di vista. Non ho parole, non saprei cosa dire. Sono andato a trovarlo in Argentina quando stava male, è stato male parecchie volte ma ha sempre superato le crisi. No, non me l’aspettavo proprio, ero convinto che anche questa volta ne sarebbe venuto fuori. Dai giornali avevo appreso che stava meglio, che era tornato a casa…».

SIMBOLO – «Noi napoletani lo piangiamo, adesso. E’ stato un simbolo per la città e per il club e non ha mai smesso di esserlo, anche quando la sua parabola calcistica è andata via via calando. Maradona è stato un fuoriclasse, un genio, e ai geni non si può chiedere anche di essere uomini comuni. Maradona non era un uomo comune, perché non era un giocatore comune. Aveva grandi responsabilità e forse non è riuscito a portarle avanti, le ha subite. A Napoli ha dato due scudetti. Io non so se il Napoli vincerà ancora scudetti, ma per ora gli unici due vinti li ha conquistati negli anni di Maradona».