Moratti: «A porte chiuse pronostico difficile. Conte è un valore aggiunto»

Inter Moratti Iniesta
© foto www.imagephotoagency.it

Massimo Moratti, ex presidente dell’Inter, è intervenuto ai microfoni de La Gazzetta dello Sport per parlare del match contro la Juventus

Massimo Moratti, ex presidente dell’Inter, è intervenuto ai microfoni de La Gazzetta dello Sport per parlare del match contro la Juventus. Ecco le sue parole:

«In effetti non ricordo precedenti a porte chiuse. L’assenza del pubblico rende ancora più complicato fare un pronostico. Credo che dovremo approfittarne di questa situazione. Che peraltro arriva in una stagione già di suo particolare. La Juve è in un anno di transizione, dopo tanto tempo con lo stesso tecnico si deve ritrovare».

CONTE – «Chiede un’intensità altissima che la squadra faticava a tenere per i 90’. Ma credo che da quelle gare autunnali la squadra sia cresciuta. È lui il valore aggiunto. Lo conoscevo, ma sono rimasto comunque impressionato dalla sua grinta, dall’attaccamento agli obiettivi, dalla cura dei dettagli».

MERCATO – «Devo essere onesto. Al tempo ero perplesso, mi sembrava un azzardo. Ma anche per il solo fatto che ci ha portato Lukaku, si è rivelata giustissima. Non sappiamo come sarebbe andata con Icardi, ma Lukaku sta facendo vedere cose che nessuno immaginava».