Qarabag-Fiorentina: neve e gelo, ma si gioca

sousa
© foto www.imagephotoagency.it

Per l’ultima gara di Europa League, la Fiorentina è arrivata fino a Baku, capitale dell’Azerbaigian. Ad aspettare la Viola ci sono il Qarabag e un clima glaciale, ma la gara non è a rischio

La Fiorentina è pronto ad affrontare l’ultimo impegno del girone di Europa League, che vedrà la squadra di Paolo Sousa contrapposta agli azeri del Qarabag, assidui frequentatori della seconda competizione europea negli ultimi anni. Se il primo posto sembra ormai al sicuro (ci vorrebbe un’ecatombe per rischiare la piazza più alta nel girone), ciò che preoccupa è il clima che i viola hanno trovato in Azerbaigian. FREDDO GLACIALE – Giocatori e staff della Fiorentina sono stati accolti da temperature sotto lo zero (oscillerà tra i -5 e i -8° C durante la gara), nonché da una neve che ha coperto tutta la città di Baku. Ciò nonostante, non ci sono dubbi che la gara si giocherà. Un po’ perché la neve smetterà di cadere nel pomeriggio, ma anche perché l’Europa League deve andare avanti. Inoltre, la Fiorentina deve già recuperare l’impegno della prima giornata contro il Genoa, interrotto lo scorso 11 settembre al “Ferraris”.