Roma, Kostas caro: il retroscena su Manolas e il Fair Play Finanziario

Manolas
© foto www.imagephotoagency.it

Giallorossi ieri dall’UEFA per il Fair Play Finanziario: c’è ottimismo. Spunta un retroscena sulla mancata cessione di Manolas

Quella di ieri è stata una giornata importante per la Roma del presidente James Pallotta. I vertici romanisti si sono presentati dinanzi alla commissione UEFA per il Fair Play Finanziario. Da casa giallorossa filtra un cauto ottimismo ma i conti non sono ancora in regola. Secondo “Il Corriere dello Sport” la strategia dei giallorossi è cambiata in corso d’opera a causa della mancata cessione di Kostas Manolas. La strategia della Roma per raggiungere il break even (pareggio tra entrate e uscite totali relativo a un’impresa o a un singolo progetto d’investimenti) prevedeva la cessione del greco ma il rifiuto improvviso ha scombussolato i piani.

La UEFA non richiede il pareggio del bilancio assoluto ma lo ‘zero’ tra ricavi e costi al netto di imposte e investimenti su infrastrutture e settore giovanile. L’irregolarità giallorossa, di una manciata di milioni, non è decisiva. I dati della Roma testimoniano il percorso virtuoso intrapreso dalla società di James Pallotta negli ultimi tre anni e i segnali sono incoraggianti. L’UEFA dovrebbe pronunciarsi tra aprile e maggio con una sentenza, che dovrà tener conto anche degli altri club ispezionati. La Roma spera di cavarsela con una multa o al più con una riduzione della rosa in Europa.