Connettiti con noi

Azzurri

Svizzera-Italia, l’occasione giusta per “dimenticare” Euro 2020

Pubblicato

su

italia-svizzera

Svizzera-Italia rischia di essere un crocevia determinante per gli Azzurri nel girone di qualificazione ai Mondiali 2022 in Qatar

La domenica di Svizzera-Italia arriva con un filo di apprensione in più di ciò che fosse lecito attendersi. L’inopinato pareggio di giovedì contro la Bulgaria ci costringe infatti agli straordinari e, soprattutto, a non commettere ulteriori passi falsi.

Anche perché complicarsi la vita nella rincorsa ai Mondiali 2022 in Qatar sarebbe a dir poco delittuoso per i freschi campioni d’Europa. Oltretutto, la sfida di Basilea è esattamente ciò che serve per “dimenticare” una volta per tutte l’estasi di luglio e voltare pagina.

Vietata ogni tipo di distrazione e fortemente sconsigliato guardare indietro a ciò che successe lo scorso 16 giugno. Quel netto 3-0 dello Stadio Olimpico non dovrà trarre in inganno e convincerci che sarà altrettanto facile.

Anche perché, in realtà, facile non fu per niente e solo la magica serata di Locatelli mise in discesa il risultato. Proprio il neo centrocampista della Juve potrebbe essere la mossa del Mancio per la sfida del Sankt Jakob Park, magari al posto di un acciaccato Verratti. E d’altro canto è stato lo stesso Commissario Tecnico a suggerire lo switch: «Abbiamo bisogno di calciatori che siano pronti perché sarà una partita importante». 

Dunque spazio, non solo per questo, anche al ritorno di King Giorgione Chiellini che nella conferenza stampa della vigilia ha indicato la rotta: «È una questione di dettagli, bisogna sempre stare sull’attenti. Abbiamo perso quei dettagli, ma nella fase finale dell’Europeo è normale che il livello si alzi. La Svizzera è una squadra forte e pericolosa, per vincere non basterà una partita sufficiente».

Così come non basterà quanto fatto negli ultimi 30 metri contro la Bulgaria. Più precisione e più qualità in fase di conclusione e di ultimo passaggio per scacciare le paure. E, nel dubbio, consegnare palla a Federico Chiesa che in questa estate 2021 sa bene come trattarla.