A Torino falso allarme bomba: 1527 feriti. Gravi tre persone – VIDEO

© foto www.imagephotoagency.it

Situazione di allarme a Torino, quando qualcuno in piazza San Carlo durante Juventus-Real Madrid ha gridato ad un possibile allarme bomba: era falso, ma il panico dilaga nel centro del capoluogo piemontese. Gli ultimi aggiornamenti – 4 giugno, ore 14.33

Nuovi aggiornamenti sui fatti di Piazza San Carlo a Torino. Secondo quanto riporta Sky Sport, il numero dei feriti è salito a 1527 persone: la maggior parte dei contusi è stata già dimessa dai vari ospedali, ma restano critiche le condizioni di tre tifosi. Una ragazza di 27 anni, un bambini di 7 anni e una signora di 64 anni sono in codice rosso, in terapia intensiva per un trauma toracico.

Un’altra persona è in grave stato di salute – 4 giugno, ore 12.00

Arrivano novità da piazza San Carlo e da Torino ma non sono per niente buone, anche se, come detto più volte, le notizie sono sempre frammentarie per adesso. Oltre al bambino di sette anni, anche una donna di trentanove anni sarebbe rimasta gravemente ferita. Non si conoscono le condizioni della trentanovenne ma i sanitari del 118 l’hanno portata subito all’ospedale dove si trova ancora adesso. Si attendono novità.

Si parla di 1400 feriti, tra cui uno grave – 4 giugno, ore 11.05

Continua a crescere il numero dei feriti. Stando alle ultime ricostruzioni pare che siano addirittura 1400 le persone ferite in piazza San Carlo, tra queste la più grave sarebbe un bambino di sette anni di origini cinesi. Il piccolo avrebbe urtato la testa in terra e avrebbe riportato un serio trauma cranico. Al momento le informazioni sono frammentare e il condizionale è d’obbligo. Sembra che il panico sia dovuto non tanto al falso allarme bomba, quando alla caduta di una ringhiera di un parcheggio. Il boato sarebbe stato assordante e in molti avrebbero pensato a un attentato terroristico. La situazione viene vagliata costantemente dalle forze dell’ordine.

Gli aggiornamenti – 4 giugno, ore 7.40

La ringhiera della scala che si trova nel centro della piazza sarebbe caduta provocando un forte botto e nella psicosi generale del momento storico che stiamo vivendo qualcuno ha urlato: «bomba, bomba» scatenando il fuggi fuggi generale. Sembra sia caduta pure una transenna vicina ai portici, davanti alla postazione della Rai. Attimi di panico tra la gente. Dopo 5-6 minuti un nuovo rumore ha causato un nuovo fuggi fuggi e una nuova allerta. Fortunatamente l’allarme era falso ma il panico ha causato circa un migliaio di feriti. La maggior parte dei feriti è stata medicata per lievi contusioni e tagli, 7 o 8 i codici rossi, tra cui una ragazza alle Molinette e un bimbo al Regina Margherita in prognosi riservata.

A Torino scatta il falso allarme bomba: ferite 200 persone – VIDEO

Momenti di grande tensione in piazza San Carlo a Torino, luogo nel quale i tifosi bianconeri stavano guardano la finalissima di Champions League fra Juventus e Real Madrid. Poco dopo il terzo gol dei blancos, all’improvviso, la gente ha iniziato a spingersi, travolgendo le transenne che recintavano il pubblico e ha iniziato a correre lungo le vie limitrofe, fra le quali anche via Lagrange. Sono stati avvertiti dei rumori forti, causati da delle transenne laterali che hanno ceduto e in tanti hanno gridato ad un possibile attentato. Molti testimoni riferiscono di aver sentito solamente un rumore molto forte, simile ad un’esplosione che ha generato il panico fra la folla. In tanti sono rimasti travolti dalla calca della gente e ci sarebbero diversi feriti. Sul posto le forze dell’ordine stanno cercando di riportare la calma. Lo scenario di Piazza San Carlo è inquietante, con i tavolini dei locali sotto i portici rovesciati, le sciarpe della Juve abbandonate tra le bottiglie di plastica e le transenne rovesciate. Nella piazza è giunto anche un mezzo dei vigili del fuoco, che sta cercando di ricomporre una situazione sfuggita di mano.

Con il passare dei minuti le forze dell’ordine sono riuscite a fare chiarezza su quanto accaduto in piazza San Carlo a Torino. Sarebbero 200 i feriti, per fortuna non ci sono morti. Già in nottata dovrebbe essere nuovamente aggiornata una situazione ancora molto convulsa. Massimiliano Allegri ha aperto la conferenza stampa a Cardiff con un pensiero per la città, nonostante la sconfitta contro il Real Madrid: «Siamo vicini a chi è rimasto coinvolto in quello che è successo a Torino, speriamo che non ci siano feriti gravi e tutto finisca nel migliore dei modi».