Voluntary agreement Milan e Fair Play Finanziario: il piano per smentire Pallotta

han li yonghong li fassone milan
© foto www.imagephotoagency.it

Il club rossonero ha un piano ben definito da presentare alla UEFA. Voluntary agreement Milan: le ultimissime notizie

James Pallotta ha attaccato il Milan («Ma se non hanno i soldi per acquistare il club, come fanno a spendere tanto sul mercato?»). Fassone ha risposto. Il Milan ha speso circa 211 milioni di euro sul mercato e non intende fermarsi. Ma come è possibile? Ha provato a spiegarlo anche Marco Bellinazzo, esperto di calcio ed economia. I rossoneri, attualmente, non sono sotto il regime del Fair Play Finanziario e hanno ‘approfittato’ di questo per investire pesantemente sul mercato. A ottobre però il Milan dovrà fare i conti con il FPF della UEFA e con il voluntary agreement.

I rossoneri dovranno presentare un piano con una visione di scenario pluriennale (il business plan dovrà contenere elementi concreti), dovrà dimostrare come intende raggiungere determinati obiettivi finanziari, con l’impegno del pareggio di bilancio nell’arco di quattro esercizi e dovrà presentare, grazie all’investitore di maggioranza o agli altri investitori di sostegno, un piano di copertura irrevocabile per eventuali perdite negli esercizi precedenti a quello in cui si prevede il raggiungimento del punto di pareggio in bilancio. Quindi gli investitori rossoneri potrebbero presentare delle garanzie a copertura dell’operazione. L’UEFA viene incontro al Milan ma solo con determinate garanzie e solo con un piano importante per i prossimi 4 anni. A riferirlo è “Il Corriere dello Sport“.