West Ham, causa al Brescia per Diamanti

© foto www.imagephotoagency.it

Il West Ham ricorrerà alla CAS, la Corte di Arbitrato dello Sport (Court of Arbitration for Sport), per una somma di denaro ancora non ricevuta dal Brescia dopo la vendita di Diamanti.

La vicenda risale al 2010 quando il club inglese decise di cedere per circa 2 milioni di sterline il giocatore alle Rondinelle (acquistato la stagione precedente per più del doppio). Secondo quanto affermato nei giorni scorsi dal West Ham, il Brescia non avrebbe ancora pagato 1,5 milioni di sterline della somma dovuta per Diamanti. Già nel 2011 gli Hammers avevano richiesto alla FIGC la sospensione del tesseramento del giocatore, finito ora nel giro della Nazionale.

“Abbiamo venduto Diamanti al Brescia perchè voleva tornare ad ogni costo in Italia – ha fatto sapere tramite il proprio account su Twitter David Gold, co-proprietario del West Ham, nei giorni scorsi – . Poi il giocatore è stato pure rivenduto al Bologna. Abbiamo fatto causa al Brescia per riavere quei soldi“.