Atalanta, Gasperini: «Partita difficile. Il turnover non esiste»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Gian Piero Gasperini, allenatore dell’Atalanta, ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine del match contro lo Spezia

Gian Piero Gasperini, allenatore dell’Atalanta, ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine del match contro lo Spezia.

PRESTAZIONE – «Sono partite non facili, incontravamo una squadra che stava benissimo. Noi siamo stati molto attenti. Abbiamo costruito diverse situazioni pericolosi, ma non siamo riusciti a segnare. Tecnicamente non è stata una bella prestazione, però la squadra ha fatto il suo».

PERCORSO – «L’ampliamento della rosa non significa rinforzare la rosa, ma allargarla. È un percorso buono il nostro, non è negativo. Abbiamo bisogno di recuperare al meglio i punti certi della squadra, oggi non c’erano soluzioni migliori in panchina di quelli che avevamo in campo».

TURNOVER – «L’Atalanta non ha cambiato il suo target, cerca calciatori di prospettiva. Oggi non abbiamo fatto turnover, erano tutti i titolari. C’è molta distorsione nella comunicazione sulla nostra squadra e questo crea grosse aspettative. Ripeto: il turnover per me non esiste, come non esiste una formazione di undici calciatori e basta».

NAZIONALI – «Ho sempre pensato che la nazionale facesse bene ai calciatori, che fosse uno stimolo. Ma non è mai successo che arrivino il venerdì e giochino il sabato. Per chi è in questa situazione è una grande difficoltà: ieri ho ritrovato otto calciatori, quattro ne ho lasciati a casa. Su questo, però, noi non possiamo far nulla».

MOMENTO PIU’ DIFFICILE – «Perché non c’è stato precampionato, perché ci sono queste soste per nazionali. Non ricordo nemmeno più la partita contro l’Inter e son passate due settimane. Ripeto, non sono mai tornati così tardi i calciatori».