Connettiti con noi

Bologna News

Bologna, Barrow: «Voglio arrivare in doppia cifra. Che intesa con Arnautovic»

Pubblicato

su

Barrow
Ascolta la versione audio dell'articolo

L’attaccante del Bologna Musa Barrow ha spiegato i motivi della sua esplosione in zona gol in questa stagione

Musa Barrow, attaccante del Bologna, in una intervista a La Gazzetta dello Sport ha spiegato i motivi della sua esplosione in zona gol in questa stagione.

NUOVO MODULO – «Questo modulo mi piace perché sto più vicino alla porta, riesco a giocare con Marko e con Soriano. Marko, poi, è uno a cui piace tenere palla, fa la salire la squadra, chiede l’uno-due, il gioco corto. Mi sto trovando davvero bene».

RUOLO«Questo ruolo mi piace perché posso muovermi. Quando abbiamo palla il mister mi dice: “Musa puoi andare da tutte le parti del campo, aiuta”. Mi sento più libero. Posso aiutare i mediani, salire…». 

OBIETTIVO«Arrivare in doppia cifra, l’obiettivo è quello. Voglio migliorare il bottino della scorsa stagione».

RAPPORTO CON ARNAUTOVIC«Mi dà i consigli. Lui è veloce, ma io di più. Se lui viene incontro io vado in profondità, se lui va in profondità io cerco di stare dove è meglio. Ci intendiamo. E poi lui è completo, ha un fisico, una forza che, uff, wow. Nell’ultima partita, mentre uscivo dal campo, lo guardavo. Ha una forza enorme, impressionante. Lo so che quest’anno ci darà tante soddisfazioni».

CONFRONTO CON MIHAJLOVIC – «Certo. Anche in partita. Se gli avversari chiedono profondità io cerco di parlare con il mister. Vado da lui, parliamo. E lui: “Va bene Musa, tu cerca di fare la cosa che ti senti per aiutare la squadra”. Questa è una buona cosa. Quando hai un rapporto così con il tuo allenatore vuol dire che in campo devi dare il massimo». 

NAPOLI«Come dice il mister: dobbiamo essere equilibrati. Abbiamo tanti alti e bassi. Abbiamo perso quattro punti pesanti contro il Genoa e l’Udinese. Sapevamo che erano partite alla nostra portata. Me ce la giochiamo». 

OSIMHEN«È molto amico di Kingsley. Quando ci troviamo in campo scherziamo, parliamo. È una persona brava, tranquilla».